Scoperte otto Supernovae dall’Osservatorio di Monte Agliale

2 Settembre 2013 / Commenti disabilitati su Scoperte otto Supernovae dall’Osservatorio di Monte Agliale

Astro News News Uai News

Grazie al periodo di relativa stabilità meteorologica che ha caratterizzato i mesi di luglio e agosto e alla provata efficienza del sistema automatico di ricerca di Supernovae dell’Osservatorio Astronomico di Monte Agliale sono state scoperte, in meno di 30 giorni, otto Supernovae (di cui due in una notte) ed è stata realizzata un’importante prediscovery della Supernova 2013dy.

Le scoperte sono state attribuite ai membri dell’associazione GRA, attiva presso l’Osservatorio di Monte Agliale, che si sono adoperati per la realizzazione del programma MASACAS, parte del progetto ISSP: F. Ciabattari, E. Mazzoni, M. Rossi, S. Donati, G. Petroni, G. Fornaciari, R. Simonetti e L. Pierotti.

Le Supernovae scoperte e già classificate dal team di ricerca dell’Osservatorio Astronomico di Padova -Istituto Nazionale di Astrofisica– sono le seguenti:
nome CBAT           tipo      data scoperta   galassia ospite                 distanza               pubblicazione
SN 2013eb             Ia         13 luglio           UGC 9761                  250 milioni a.l. CBET3594
SN 2013em            Ia         27 luglio           PGC 214897               300 milioni a.l. CBET3612
SN 2013ep             IIb       29 luglio           PGC 70151                 230 milioni a.l. CBET3615
SN 2013en             Ia-pec 30 luglio           UGC 11369                200 milioni a.l. CBET3613
SN 2013et              Ia         02 agosto         UGC 1723                  770 milioni a.l. CBET3624
SN 2013ev             II         11 agosto         IC 1296                      230 milioni a.l. CBET3627
SN 2013ey             Ia         11 agosto         PGC 65806                 360 milioni a.l. CBET3636
Nella sessione di ricerca del 16 luglio è stato scoperto un ulteriore transiente nei pressi della galassia a spirale UGC 12307, posta a 125 milioni di anni luce di distanza. Al momento non risulta caratterizzato e quindi è ancora catalogato come possibile supernova (PSN J23011153+1243218 ), in attesa che gli astronomi del team di Asiago possano concludere le loro ricerche. Particolarmente significativa è stata, infine, la pre-discovery della Supernova 2013dy: il transiente è stato individuato dai ricercatori del Lick Observatory Supernova Search project (LOSS) il 10.45 luglio TU nella periferia della galassia a spirale NGC 7520, posta a poco più di 50 milioni di anni luce di distanza. La Supernova (di tipo Ia) era stata ripresa quasi nove ore prima, in una survey automatica realizzata con il telescopio di Monte Agliale: l’aspetto sorprendete è che nella nostra immagine l’oggetto aveva una luminosità inferiore di quasi 2 magnitudini a quelle di scoperta del LOSS. Si tratta dunque di una osservazione realizzata nelle prime ore dell’esplosione! Abbiamo segnalato il dato su TOCP, annunciandolo come “pre-discovery detection” e grazie alla pubblicazione della CBET 3588, che riepiloga i primi dati osservativi della Supernova 2013dy, siamo stati contattati dal Dr. WeiKang Zheng dell’Università della California, Berkeley e dal Dr. Ryan Foley dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics. Abbiamo fornito ad entrambi i ricercatori il file FIT dell’immagine di prediscovery e ulteriori dati che saranno utilizzati per la realizzazione di pubblicazioni scientifiche.
Le immagini di scoperta, unitamente ad informazioni più dettagliate, sono reperibili all’indirizzo:
 
 

Immagine della “pre-discovery detection” della Supernova 2013dy, ottenuta dall’osservatorio di Monte Agliale il 10.086 luglio TU: il segnale è stato individuato dal software di analisi automatica delle immagini appositamente sviluppato. Nell’attesa di poter effettuare riprese di conferma è stata diffusa dai ricercatori del LOSS la notizia della scoperta del transiente, ben più luminoso, osservato in immagini LOSS del 10.45 luglio TU.

F. Ciabattari