I premi UAI

L’Unione Astrofili Italiani assegna, in occasione del Congresso annuale, alcuni storici prestigiosi premi e riconoscimenti, quali:

A questi premi, si aggiungono altri premi riconoscimenti specifici consegnati in occasione di alcuni Convegni Tematici.

Di seguito sono disponibili maggiori informazioni e la “hall of fame” dei premiati.

 


Il Premio «Gian Battista Lacchini» è il più importante riconoscimento che l’Unione Astrofili Italiani conferisce ad astronomi e astrofili di fama mondiale che si sono distinti nella divulgazione dell’astronomia.
L’orientamento che l’UAI ha sempre seguito nell’individuare le personalità meritevoli per questo riconoscimento è la capacità di essere all’avanguardia nella ricerca astronomica e astrofisica e al tempo stesso di dedicare una parte rilevante delle proprie energie alla divulgazione dell’astronomia a larghi strati della popolazione, attraverso la pubblicazione di libri, la partecipazione a conferenze e a trasmissioni televisive.

medaglia1.jpg
la medaglia disegnata da Amedeo Gigli per UAI e realizzata dall’artista Egidio Ambrosetti

modello.jpg

Gigli1.jpgGigli2.jpg

La medaglia disegnata dal grafico Amedeo Gigli

targa_decennale.gif

Per ricordare i dieci anni del premio l’UAI ha realizzato delle targhe ricordo sulle quali è incisa
la “Medaglia Lacchini” disegnata dal grafico ed astrofilo Amedeo Gigli.

Le targhe sono state spedite nel 2004 a tutti i passati vincitori del Premio G.B. Lacchini o alle Organizzazioni per le quali le personalità hanno operato

_____________________________________________________________________________________________________

 A Luigi Baldinelli – Speciale per il 50° anniversario della fondazione della UAI (Frosinone 2017)


Premio Lacchini50 Baldinelli copia

 

_____________________________________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________________________

Il Premio, istituito già dal 1994, è stato conferito negli anni passati
alle seguenti personalità:

_____________________________________________________________________________________________

2019 – Bologna

Roberto Battiston

 

_____________________________________________________________________________________________

2018 – Barberino Val d’Elsa (FI)

Patrizia Caraveo

Patrizia-Caraveo

 

_____________________________________________________________________________________________

2017 – Frosinone
Cesare Barbieri

Premio Lacchini Barbieri

_____________________________________________________________________________________________

2016 – Prato

Franco Foresta Martin

Lacchini 2016 FFMartin

_____________________________________________________________________________________________

2015 – Caserta

Corrado Lamberti

Lacchini 2015

_____________________________________________________________________________________________

2014 – Castiglione de’ Pepoli (BO)

Walter Ferreri


Image00042

_____________________________________________________________________________________________

2013 – Tradate (VA)

Piero Bianucci

image_gallery7.jpg

_____________________________________________________________________________________________

2012 – Frascati

Simonetta Di Pippo

image_gallery_1.jpg

_____________________________________________________________________________________________

2011 – Senigallia
Paolo De Bernardis, (professore di cosmologia all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”)

image_gallery_2.jpg

_____________________________________________________________________________________________

2010 – Napoli
John Gribbin (saggista  di argomenti scientifici)

image_gallery_3.jpg

_____________________________________________________________________________________________

2009 – Padova
Umberto Guidoni (astronauta)

Guidoni.jpg

_____________________________________________________________________________________________

2008 – Biella
Jean-Pierre Luminet (astronomo e cosmologo dell’Osservatorio di Paris-Meudon)

luminet

_____________________________________________________________________________________________

2007 – Faenza
Piergiorgio Odifreddi (Università di Torino e Cornell Univ.)

Odifreddi

_____________________________________________________________________________________________

2006 – Catania
Giovanni F. Bignami (Presidente Agenzia Spaziale Italiana)

Bignami

_____________________________________________________________________________________________

2005 – La Spezia 
John D. Barrow 
(Università di Cambridge)

Barrow.jpg

_____________________________________________________________________________________________

2004 – Piombino (LI)
Giuliano Romano (Oss. Padova)

Romano.jpg

_____________________________________________________________________________________________

2003 – Manduria (TA)
Jean Meeus (Univ. Belga Louvain)

Meeus.gif Jan_Meeus.gif
J_Meeus.gif

_____________________________________________________________________________________________

2002 – Castello Tesino (TN)
Paolo Maffei (Univ. Perugia)

Maffei.jpg  Maffei1.jpg

_____________________________________________________________________________________________

2001 – Frasso Sabino (RI)
Brian Marsden (Minor Planet Center – International Astronomical Union)

Marsden.jpg

_____________________________________________________________________________________________

2000 – Capo d’Orlando (ME)
Piero Tempesti (Obs. Collurania)

Tempesti.jpg

_____________________________________________________________________________________________

1999 – Massa
Franco Pacini (Obs. Firenze e IAU)

Pacini.jpg

_____________________________________________________________________________________________

1998 – Sessa Aurunca (CE)
Margherita Hack (Obs. Trieste)

Hack.jpg

_____________________________________________________________________________________________

1997 – Monte Porzio Catone (Roma)
Duccio Macchetto (Space Telescope Science Institute – Baltimora USA)

Macchetto.gif    Macchetto_2.gif

_____________________________________________________________________________________________

1996 – Cittadella (PD)
Patrick Moore (BAA – UK)

Moore.jpg

_____________________________________________________________________________________________

1995 – Salerno
Janet Mattei (AAVSO – USA)

Henden.gif

il Direttore AAVSO Arne Henden riceve la targa in luogo della scomparsa Janet Mattei

_____________________________________________________________________________________________

1994 – Milano
Audouin Dollfus (Obs. Paris-Meudon – FR)

Dollfus.gif

_____________________________________________________________________________________________

image_gallery9.gif

G.B. Lacchini

doc prendi visione della biografia di G. B. Lacchini 

pdf prendi visione della biografia di G.B. Lacchini, curata da Gian Paolo Costa e pubblicata in «Storia di Faenza nel XX Secolo – La Vita Scientifica» – EDIT Faenza 

pdf  prendi visione della lettera inviata ad Audouin Dollfus per la consegna della targa (tutte le altre sono in tutto simili)

 


Il Premio «Guido Ruggieri» è stato istituito dall’UAI nel 2003 e viene conferito all’Astrofilo più meritevole, per specifiche attività di ricerca effettuate o per l’insieme delle attività sviluppate lungo la propria attività.

  _______________________________________________________________________________________

2019

Claudio Costa

  _______________________________________________________________________________________

2018

Cesare Guaita

  _______________________________________________________________________________________

2017

Riccardo Balestrieri

Premio Ruggeri Balestrieri

  _______________________________________________________________________________________


2016

Emiliano Ricci

Premio Ruggeri 2016

  _______________________________________________________________________________________


2015

Claudio Lopresti

premiazione Lopresti

  _______________________________________________________________________________________

2014

Lorenzo Franco

UAI PremioRuggieri2014 Lorenzo Franco

  _______________________________________________________________________________________

 2013

Nello Ruocco

rcc

  _______________________________________________________________________________________


2012

Luciano Tesi

lt

  _______________________________________________________________________________________

2011

Fulvio Mete

fm.jpg

  _______________________________________________________________________________________

2010

Giancarlo Favero

  _______________________________________________________________________________________

2009

Toni Scarmato

ts.jpg

  _______________________________________________________________________________________

  

2008

Giovanni Sostero e Ernesto Guido

gseg.jpg

  _______________________________________________________________________________________

2007

Luigi Baldinelli

 

lb.jpg lb2.jpg

  _______________________________________________________________________________________

2006

Luigi Prestinenza

lp.jpg

La motivazione: per una vita dedicata all’Astronomia e alla divulgazione della Scienza. Osservatore attento e sistematico dei pianeti ed in particolare di Marte, al quale ha dedicato uno splendido libro. Giornalista e divulgatore scientifico per oltre un cinquantennio, sempre in prima linea nel rapporto con il pubblico e con gli studenti. Socio e sostenitore UAI già dai primi anni della sua costituzione, ha contribuito in maniera determinante, con la sua autorevole e assidua presenza, ad uno svolgimento corretto e sereno delle Assemblee sociali. Fondatore e presidente per venticinque anni del Gruppo Astrofili Catanesi che porta il nome di Guido Ruggieri. Più recentemente fondatore e presidente dell’Associazione Stelle e Ambiente. A Luigi va la gratitudine incondizionata di tutti i Soci dell’Unione Astrofili Italiani. 

  _______________________________________________________________________________________

2005

Vittorio Rustichelli

vr.jpg

  _______________________________________________________________________________________

2004

Giannantonio Milani

  _______________________________________________________________________________________

2003

Gianluca Masi

gm.jpg

  _______________________________________________________________________________________



Breve ricordo di Guido Ruggieri
di Luigi Prestinenza durante la premiazione avvenuta a Catania il 10 Settembre 2006

Voi m’avete dato il premio intitolato al mio compianto amico, amicissimo, Guido Ruggieri e nessuna distinzione poteva essermi più gradita. Ma proprio in nome di quella vecchia amicizia vorrei dire due parole per ricordare Guido, la sua opera, la sua passione: se ne è andato ormai da trent’anni, prematuramente, e solo qualcuno di voi ricorderà chi veramente egli era, come e dove operò.
Avvicinai Ruggieri, come tanti altri astrofili, da Recla a De Mottoni, attraverso il vecchio Coelum. Era un lindo fascicoletto bimestrale dalla copertina celeste che veniva compilato all’Osservatorio di Bologna: diretto dal prof. Guido Horn d’Arturo, all’inizio degli anni Cinquanta era l’unico terreno d’incontro degli astrofili che volessero scambiarsi esperienze, aggiornarsi sulle ultime notizie, pubblicare delle proprie osservazioni.
Avevo allora, parlo del 1954, meno di trent’anni, lavoravo già alla “Sicilia” e scrivevo dei pezzi di divulgazione astronomica, come faccio ancora: Ruggieri era più anziano, del 1913, veniva da Faenza e non aveva potuto proseguire gli studi, nonostante la grande passione, oltre il diploma di ragioniere, che gli era valso un posto all’Ufficio del Registro di Forlì. Ma non aveva aspettato quei primi guadagni per soddisfare come poteva le sue grandi passioni, la geologia e il cielo, l’osservazione diretta dei

A tredici anni annotava già scrupolosamente queste sue osservazioni, a sedici possedeva un rifrattorino di 41 millimetri, fate conto un piccolo cercatore, con oculari di scarsa qualità e scomodissimo da usare. Dai disegni che ne ricavava ebbe origine la sua abilità di disegnatore, che doveva farne uno specialista in materia di geografia planetaria.
Andrei troppo per le lunghe se mi soffermassi sulle esperienze di Guido – anch’esse estremamente formative – adoperando su Luna e pianeti dei piccoli cannocchiali che oggi non si darebbero a un bambino. Appunto alle sue osservazioni con strumenti di apertura modesta è dedicato il suo primo articolo, apparso nel 1946 su Coelum, una collaborazione che con gli anni si intensificò: e appunto sul Coelum nel ’54 trovai la sua firma sotto un articolo che lamentava lo scarso uso che molti astrofili facevano degli strumenti, una volta che ne erano giunti in possesso. Era l’epoca dell’ampia diffusione degli specchi parabolici lavorati da un valoroso artigiano, il prof. Virgilio Marcon, da cui proprio Guido ne aveva avuto uno di 25 cm, che adoperava intensamente e con molto profitto sotto il cielo brumoso ma calmo di Mestre, dove si era trasferito, sposato e impiegato nell’amministrazione delle Filovie locali.
Quella volta scrissi a Ruggieri che era vero, anch’io avevo addirittura un 30 cm di Marcon e non potevo sfruttarlo perchè allora il giornale si faceva di notte. Ne nacque un’amicizia, andai a trovarlo a Mestre e ci ritrovammo nell’estate 1956 in Sicilia quando il prof. Fracastoro, direttore del nostro Osservatorio, lo invitò a osservare la grande opposizione di Marte con gli strumenti che poteva mettergli a disposizione, soprattutto l’ottimo rifrattore Cooke di 15 cm che aveva montato sull’Etna, ai 750 metri di Milo.
Ruggieri arrivò e fu al centro di quella prima esperienza di ricerche celesti accompagnate da vivissima curiosità popolare, alimentata dai giornali e dalla tv. Era già uno studioso noto e stimato, in contatto con i maggiori specialisti dell’epoca, da Fournier al nostro De Mottoni: e la farei lunga se mi soffermassi sulle osservazioni che pubblicò, sulle conferenze che gli venivano richieste, sui libri che cominciò a scrivere, nutriti di esperienze dirette. Ne ricorderò soltanto due, oggi introvabili: “La scoperta del pianeta Marte”, uscito nel 1971 per Mondadori e “Mondi nello spazio”. Nel 1967 “Le meraviglie del cielo”, divulgazione mirata ai giovani, vendette centomila copie e fu tradotto in inglese, francese e olandese. Suoi lavori si trovano in ogni sorta di pubblicazioni scientifiche, compresi quelli dedicati ai fossili.
Guido tornò in Sicilia nel 1958, ancora per Marte, e poi nell’estate 1961 per realizzare su Giove e Saturno delle esperienze di “seeing” dalla Cantoniera etnea, dove Fracastoro progettava di trasferire le ricerche stellari dell’Osservatorio. Andammo su, prestai il mio 30 cm e adoperando quello da 1900 metri Ruggieri ottenne dei disegni così dettagliati da testimoniare della buona qualità di quel cielo di montagna. La stazione etnea fu realizzata pochi anni dopo, è quella che avete visitato a Serra la Nave, e giustamente ricorda Fracastoro. Con Marte, Guido aveva un po’ mollato dopo le deludenti riprese del Mariner 4 nel luglio ’65: ma lo avevo persuaso che c’era posto per riprendere le osservazioni dirette, e il suo telescopio era tornato da Marcon per un ringiovanimento radicale. “Non vedo l’ora di rivedere i mari di Marte” è scritto in una delle sue ultime lettere: ma nell’estate 1976 lo trovai in ospedale, dove doveva soccombere a un male incurabile. Poco oltre se ne andò pure Virgilio Marcon, un altro della vecchia guardia dell’astrofilia dei pionieri. Sono felice oggi di averveli ricordati.
Se ne volete ancora, a Ruggieri è dedicato un ampio articolo nel numero 135 della rivista “L’Astronomia” nel 1993 e più recentemente Gabriele Vanin gli ha dedicato un capitolo nel suo volumetto “I grandi astrofili”, pubblicato da “Orione”.

 


 

Il Premio Marco Falorni, destinato a persone particolarmente attive nel campo dell’osservazione planetaria, viene conferito ogni anno, in sede di Congresso Nazionale, su indicazione del responsabile della Sezione Pianeti. Il premio consiste in una targa ricordo e in un anno di iscrizione all’Unione Astrofili Italiani.

_______________________________________


2011

falorn_9.jpg

Daniele Gasparri ( Congresso UAI a Senigallia )

 _______________________________________


2010

falorn_5.jpg

Antonello Medugno – (Congresso UAI a Napoli)

 _______________________________________


2009

falorn_6.jpg

 Marco Cardin (Congresso UAI di Padova), con motivazione:

Marco Cardin in questi ultimi anni si è affermato come uno dei più assidui e scrupolosi osservatori di Venere in luce violetta, nonostante le difficoltà oggettive poste da questo pianeta “difficile”, che rivela al meglio le tenui differenze di albedo nella coltre di nubi solo nella parte violetta dello spettro, poco o nulla utilizzata, fino ad un recente passato, dai non professionisti. Le sue numerose immagini, elaborate con cura e corredate di tutti i dati richiesti per una corretta interpretazione, sono state riprese con una webcam, e rendono possibili la costruzione di mappe rotazionali del pianeta e le misure della velocità dei venti atmosferici. Esse testimoniano sia un’ottima capacità tecnica per la ripresa al telescopio e l’elaborazione sia una buona dose di spirito scientifico e tenacia, doti necessarie ad ogni osservatore planetario. Marco Cardin, che ha inoltre contribuito con analogo livello di qualità alle altre campagne di osservazione della Sezione Pianeti, costituisce un esempio per tutti gli astrofili che aspirano ad un livello di eccellenza nell’osservazione planetaria.

___________________________________________


2007

falorn_7.jpg

Tiziano Olivetti (Congresso UAI di Faenza), con motivazione:

Tiziano Olivetti si distingue fra i fotografi astronomici per l’abilità di padroneggiare le tecniche digitali e per un impegno costante e sistematico. Pur non disdegnando la ricerca della “bella foto”, Tiziano produce risultati di grande sostanza scientifica e le sue splendide immagini dei pianeti sono apprezzate in tutto il mondo. La costante applicazione di metodi e convenzioni precise costituisce un raro riferimento di eccellenza per tutti gli appassionati di osservazione planetaria. Osservando da una latitudine favorevole (Bangkok, dove ha trascorso gli ultimi anni per lavoro) ha fornito, fra l’altro, un contributo al monitoraggio delle correnti atmosferiche di Giove e delle nubi di Venere nell’ultravioletto. Gli è accreditata la prima osservazione di un’eruzione di macchie nella Banda Equatoriale Sud di Giove, avvenuta nella scorsa apparizione. Il 10 dicembre 2005, col pianeta ancora basso nel crepuscolo mattutino, poche settimane dopo la congiunzione eliaca, Tiziano ha colto, in un’immagine strappata con caparbietà a un cielo ormai chiaro, il primo nucleo dell’insorgente perturbazione, che nei mesi successivi si sarebbe estesa in forma spettacolare su molta parte di Giove.

___________________________________________


2006

 

falorn_8.jpg

Un momento della premiazione

 

Cristian Fattinnanzi  (39° Congresso UAI di Catania).

La motivazione è stata la seguente:
Cristian Fattinnanzi è uno dei migliori fotografi astronomici italiani, nella ripresa dei pianeti e non solo. Le sue immagini, ricche di dettagli fini e di colori sontuosi, pubblicate sulla rivista UAI, su altri periodici e in vari siti web, lo hanno portato a notorietà internazionale. I suoi risultati sono stupefacenti se si considera che sono stati conseguiti per lo più con l’impiego di una semplice «webcam», osservando dal marciapiede sotto casa sua, a Macerata.
Essi testimoniano di una rara capacità tecnica nella messa a punto del telescopio, nel padroneggiare l’apparato di ripresa e le procedure di elaborazione; ma la loro bellezza estetica ci parla anche del gusto artistico dell’Autore che, pur non essendo fra le doti richieste nel lavoro scientifico, non di meno lo arricchiscono. 

Peraltro, la precisione di queste immagini nella resa dei dettagli planetari ha retto la prova di tutte le verifiche. Si ricordano in particolare le sistematiche osservazioni di Marte e di Giove, con la produzione di planisferi e animazioni di forte impatto spettacolare.
É bello ricordare anche l’indole amichevole di Cristian, sempre pronto a condividere le sue conoscenze tecniche e ad aiutare chi intraprende a sua volta la strada della fotografia amatoriale.

____________________________________

Il Premio «Marco Falorni» è stato istituito dalla Sezione Pianeti UAI nel 2006 e va a sostituire altri riconoscimenti che, in passato, la Sezione ha intitolato a Paolo Senigalliesi e a altri illustri planetaristi italiani.
Il premio è stato concepito durante la riunione della Sezione Pianeti svoltasi a Nizza il 24 Aprile 2006 presso l’Osservatorio Astronomico della Côte d’Azur.

falorn_1.jpg

Breve ricordo di Marco Falorni

Marco Falorni, nato nel 1944 e deceduto dopo una rapida malattia nel 1995, ha giocato un ruolo fondamentale per gli astrofili italiani, che ne ricordano la passione, il suo desiderio di trasmetterla, l’acume e l’ironia che lo caratterizzavano, l’amicizia sincera.
Fucina di proposte per la crescita della UAI, profondo conoscitore della realta’ degli astronfili a livello internazionale, ha ricoperto varie cariche in seno alla UAI, fino a quella, in ultimo, di Presidente.

 

falorn_2.jpg
Marco alla Grande Lunette dell’Osservatorio di Meudon

falorn_4.jpg
Marco con Patrick Moore e Giancarlo Favero al Congresso UAI di Cittadella del 1996

falorn_3.jpg
Marco Falorni con Audouin Dollfus

Nell’ambito dell’osservazione astronomica Marco e’ stato, innanzitutto, un grande cultore dell’osservazione planetaria, disciplina che ha contribuito a traghettare – attraverso l’epoca delle sonde spaziali – dalle osservazioni visuali alle riprese CCD, mostrando la strada da seguire per farla diventare un settore di punta nel panorama amatoriale italiano.
Esperto osservatore, disegnatore eccelso, ricercatore meticoloso, ha sempre coltivato i contatti internazionali, anche a livello professionale, non solo nella sua Firenze, ad Arcetri, ma anche all’estero (in Inghilterra e Francia, in particolare).
Queste sue esperienze hanno trovato uno straordinario successo nella fondazione della Sezione Pianeti UAI, avvenuta nel 1988, atto che ha prodotto un’evoluzione essenziale nei metodi di osservazione amatoriali.