Il 3° Meeting UAI sul Sistema Solare di Tesero (TN), 21-22 settembre 2019

10 Ottobre 2019 / Commenti disabilitati su Il 3° Meeting UAI sul Sistema Solare di Tesero (TN), 21-22 settembre 2019

UAI-Ricerca

Seguendo il successo ottenuto dai primi due Meeting sul Sistema Solare UAI svolti a Bologna nel 2017 e ad Acqui Terme nel 2018, anche quest’anno si è svolto a Tesero (TN) il 3° Meeting che ha coinvolto i PNdR Sole, Luna e Pianeti dell’Unione Astrofili Italiani. L’evento organizzato dalla Commissione Ricerca e Studi dell’Unione Astrofili Italiani, per quanto riguarda la logistica e l’accoglienza è stato curato dalla locale associazione Gruppo Astrofili Fiemme, con i patrocini del Comune di Tesero, della Provincia autonoma di Trento, della Comunità Territoriale della Val di Fiemme, e del Museo delle Scienze MUSE. I lavori delle due giornate del Meeting si sono svolti nell’Osservatorio Astronomico-Planetario di Fiemme gestito dalla locale Associazione, un complesso astronomico all’avanguardia nel campo della divulgazione dell’Astronomia situato a circa 1200 metri di altezza sopra il paese di Tesero, in un contesto naturalistico immerso nella stupenda cornice delle Dolomiti.

La foto di gruppo dei partecipanti al Meeting UAI sul Sistema Solare 2019 

Oltre agli addetti ai lavori, anche un nutrito pubblico ha partecipato alla due giornate del Meeting di sabato 21 e domenica 22 settembre.

Come da programma già anticipatamente organizzato e fissato, per la Sessione dedicata ai Pianeti, interessanti sono stati i lavori presentati da Marco Vedovato, nuovo Responsabile del PNdR Pianeti, con degli studi incentrati sul pianeta Giove ed in particolar modo sulla strana evoluzione che la Grande Macchia Rossa sta avendo in questo periodo, ed inoltre anche sull’impiego del programma WinJupos da utilizzare per lo studio più approfondito, per effettuare misure di posizione dei dettagli dell’atmosfera gioviana.

A seguire Fabio Verza, membro del PNdR Luna e Pianeti, ha parlato del suo ingresso nell’imaging planetario e ha mostrato delle interessanti foto di Marte, Giove e Saturno. Poi è stata la volta del Prof. Giancarlo Favero che ha spiegato come le tecniche di ripresa planetaria siano profondamente cambiate nel corso degli anni, cioè a partire dalle foto con la vecchia pellicola ad emulsione chimica, e fino a giungere alle riprese con le moderne camere CCD e le nuovissime videocamere per Astronomia.

Per la Sessione dedicata al Sole, Luciano Piovan, Responsabile del PNdR Sole, ha illustrato in un modo chiaro ed esaustivo le condizioni attuali della nostra stella madre, dove il XXIV ciclo solare è ormai alla fine, e dove invece il XXV ciclo solare non dà al momento nessun segno di inizio a livello stellare.

Gradita è stata poi la presenza di Cristina Cellini che si occupa di riprese astronomiche di vario genere, prevalentemente nel campo estetico mediante l’elaborazione digitale. L’esperta ha mostrato delle belle immagini del Sole e dei suoi maggiori dettagli osservabili, il tutto effettuato con una elaborazione digitale ad hoc.

Per la Sessione dedicata alla Luna, Paolo Colona, Responsabile del PNdR Archeoastronomia, ha mostrato un interessante lavoro sull’osservazione della Luna ad occhio nudo e sulla preparazione di disegni a mano lunari, e poi nuovamente Marco Vedovato ha mostrato come si ottengono mappe lunari con il programma WinJupos.

A seguire, Bruno Cantarella, membro del PNdR Luna e Coordinatore del Progetto Librazioni, ha presentato un ottimo lavoro dal titolo “La Missione Apollo 11”, dove sono mostrati dei dettagli veramente inediti che riguardano questa importantissima missione che ha portato per la prima volta due uomini a camminare sul suolo lunare. L’argomento è stato completato con la Lectio Magistralis a cura di Antonio Mercatali, Responsabile del PNdR Luna, dal titolo  “Il Programma Apollo”. Antonio Mercatali ha illustrato tutte le altre missioni del più importante programma astronautico progettato dall’uomo e ha presentato anche diversi filmati originali appartenenti ad alcuni momenti più salienti di alcune missioni.

Al termine della prima giornata, sono stati offerti uno spettacolo nel planetario digitale e, dopo la cena ufficiale, un’osservazione al telescopio.

Il programma delle conferenze è infine terminato con la lezione del Prof. Roberto Ragazzoni dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) e Direttore dell’Osservatorio Astronomico di Padova, che ha presentato un ottimo lavoro dedicato principalmente allo sviluppo e conseguente impiego delle moderne ottiche adattive per eliminare i disturbi derivanti dal seeing atmosferico.

I lavori del Meeting si sono conclusi un breve dibattito condotto da Salvo Pluchino, il Coordinatore dei PNdR e Vicepresidente UAI.

Antonio Mercatali

Responsabile PNdR Luna

Unione Astrofili Italiani