Si chiude la seconda edizione del Convegno nazionale di divulgazione inclusiva dell’astronomia

5 Ottobre 2022 / Commenti disabilitati su Si chiude la seconda edizione del Convegno nazionale di divulgazione inclusiva dell’astronomia

UAI-Divulgazione

Si è concluso con successo domenica 25 settembre a Verona il secondo convegno nazionale di divulgazione inclusiva dell’astronomia organizzato dal Programma nazionale “Divulgazione inclusiva” dell’Unione Astrofili Italiani (UAI), con il supporto del Circolo Astrofili Veronesi. Dopo una pausa di due anni dettata dalla situazione pandemica, il convegno dedicato all’esame e allo sviluppo di metodologie divulgative e strumenti per una cultura astronomica “senza barriere” si è svolto in presenza, per la gioia di tutti i partecipanti.

A ospitare il convegno è stato il DB Hotel di Verona, nei pressi dell’aeroporto, location definita dagli organizzatori “un’ottima scelta per la facilità di accesso in auto e in aereo, e tramite navette dalla stazione ferroviaria, per i servizi offerti a supporto delle conferenze e per gli ambienti a disposizione che hanno consentito di allestire la tradizionale esposizione degli strumenti per divulgazione inclusiva nello stesso ampio ambiente in cui si svolgevano le sessioni, dando continuità all’esperienza e facilitando gli scambi informali nelle pause”.

Il convegno ha visto riuniti tutti gli astrofili dell’UAI impegnati nella divulgazione inclusiva dell’astronomia, esperti del settore, docenti e imprenditori. Oltre agli interventi dei relatori su esperienze e pratiche di divulgazione inclusiva, il ricco programma del convegno ha contemplato la visita al Museo dei Fossili di Bolca e della Cava della Pesciara, che espone una collezione di fossili unica al mondo per quantità, varietà e dimensioni. “Il museo si è dotato di alcuni modelli tattili di fossili; la visita è stata anche una occasione per raccogliere utili suggerimenti dalle persone non vedenti presenti per ulteriori miglioramenti ai modelli, peraltro molto apprezzati”.

Tra i punti di forza del Convegno, l’ampiezza ed eterogeneità dei lavori presentati. “L’approccio inclusivo è applicabile a ogni contesto, e quindi chi ne acquisisce la sensibilità la applica al proprio ambito di attività, dall’astrofilo che sviluppa modelli innovativi, all’astronomo professionista che progetta spettacoli inclusivi per planetario o sviluppa ricerca nel campo della sonificazione dei dati, all’astrofilo sordo che si dedica alla divulgazione per i sordi e non solo”, aggiungono gli organizzatori. Il gruppo di esperti rimarrà in contatto con l’obiettivo di continuare a collaborare, anche in vista del prossimo convegno del 2023.

 

⇒Tutti i dettagli sul Convegno e il materiale fotografico sono disponibili al seguente link:

https://www.uai.it/stellepertutti/concluso-il-2-convegno-nazionale-di-divulgazione-inclusiva-dellastronomia/

2° Convegno Nazionale Divulgazione Inclusiva – foto di gruppo