Addio a Luigi Baldinelli, fondatore ed ex Presidente dell’Unione Astrofili Italiani

30 Aprile 2021 / Commenti disabilitati su Addio a Luigi Baldinelli, fondatore ed ex Presidente dell’Unione Astrofili Italiani

Galassia Astrofili Vi segnaliamo

Si è spento all’età di 88 anni, a causa di un infortunio avvenuto nei pressi della propria abitazione a Sasso Marconi (Bologna), Luigi Baldinelli, ex Presidente dell’Unione Astrofili Italiani (UAI) e tra i fondatori dell’Associazione Astrofili Bolognesi e della stessa UAI.

Il consiglio nazionale dell’UAI, in rappresentanza di tutta la comunità astrofila, esprime profondo cordoglio per l’improvvisa scomparsa del caro Luigi e rivolge le più sentite condoglianze alla sua famiglia.

Riportiamo di seguito, tra i tanti messaggi e pensieri ricevuti, quelli del Presidente emerito UAI, Mario Di Sora, del Presidente dell’Associazione Astrofili Bolognesi, Giulio Busi, e del Presidente UAI, Luca Orrù.

 


Messaggio di Mario Di Sora, Presidente emerito UAI

Ieri, nel pomeriggio, si è diffusa la notizia dell’improvvisa morte dell’amico Luigi Baldinelli, a seguito di una caduta in una scarpata, nei pressi della sua abitazione di campagna a Sasso Marconi.     Luigi era nato a Bologna nel 1932 e si era laureato in Medicina e Chirurgia con specializzazione in Anestesia e Rianimazione.

Come per tutti i veri astrofili però il suo cuore batteva per l’Astronomia a cui ha dato, in oltre 60 anni, un contributo rilevante non solo in termini divulgativi ma anche nell’ambito della ricerca scientifica grazie al suo osservatorio privato in località Tignano dotato di un newton da 35 cm. Nel 1967 ha fondato l’AAB, uno dei gruppi astrofili più antichi e prestigiosi in Italia e di cui è stato anche Presidente. E’ stato tra i fondatori dell’UAI, sempre nel 1967, insieme Paolo Andrenelli di Firenze, Franco Foresta Martin di Palermo e Riccardo Slagher di Trieste, ricoprendo, successivamente, la carica di membro del CD e di Presidente.

Luigi Baldinelli era una persona misurata e cortese, pur con carattere determinato, che ho avuto l’onore di conoscere dal vivo alla fine degli anni 90. Fui da lui invitato a Bologna per una conferenza sull’inquinamento luminoso presso i locali di una circoscrizione e, per l’occasione, invitato a pernottare presso la sua abitazione di campagna dove ebbi la possibilità di vedere tutta la strumentazione accumulata negli anni e le numerose pubblicazioni che aveva prodotto.

E’ stato un gigante dell’astrofilia italiana e sento di dovere molto a quest’uomo di altri tempi che ha rappresentato, per diverse generazioni, un esempio non solo per la preparazione tecnica ma anche per i tratti comportamentali. Nel 2017, da Presidente UAI, ebbi l’intuizione di proporre la sua premiazione con la Targa Lacchini in occasione del 50° Congresso UAI di Frosinone ed Il suo intervento illustrò, in modo simpatico e puntuale, le tappe che portarono alla fondazione dell’Unione. Per l’occasione mi omaggiò del suo libro “Problemi di cuore”, non solo un’autobiografia ma anche un testamento spirituale che consiglio ai giovani astrofili, a volte troppo presi dai traguardi prestazionali e poco attenti alla ricchezza e all’insegnamento che ci derivano dallo studio della volta stellata!


Messaggio di Giulio BusiPresidente AAB

Ci sono delle cose che non vorresti mai dover scrivere, questa è sicuramente una di queste.
Purtroppo oggi a causa di un incidente è deceduto l’amico Luigi baldinelli, uno dei soci fondatori della nostra Associazione ma, appunto, prima di socio ed astrofilo di fama internazionale era un amico, di quelli che non frequenti, che vedi o senti solo ogni tanto ma che pensi, magari, mentre ammiri la volta celeste.
L’intera Associazione si unisce nel cordoglio alla famiglia.
Ci mancherai.

Messaggio di Roberto Bizzotto, Presidente emerito UAI

Porgo anzitutto le mie condoglianze alla figlia Silvia e a tutta la famiglia.

Ho incontrato Luigi la prima volta durante il memorabile congresso dell'”International Amateur Astronomical Union” di Bologna del 1984 conclusosi con una cena internazionale al ristorante-mensa della stazione di Bologna dove ogni partecipante ha potuto esibirsi in canti nazionali e regionali. Un clima che anticipava la globalizzazione, quella vera.

Con Luigi abbiamo “duellato” in elezioni avvenute in momenti difficili per l’UAI ma credo, come scrisse Luigi stesso nell’editoriale “La volpe e l’uva” in Astronomia UAI settembre ’91, con assoluta onestà. Mi era venuta voglia di chiamarlo qualche mese fa per farmi una chiacchierata… peccato, ci lascia un grande!


Messaggio di Luca Orrù, Presidente UAI

Ho conosciuto Luigi quando era già una autorità nel mondo dell’Astrofilia. 
Ricordo in particolare una gradevolissima chiacchierata nella pausa pranzo del Congresso UAI di Padova, nel 2009, durante la quale ho apprezzato la sua visione lucida, moderna e stimolante – e non esente da critiche! – di quale dovesse essere il ruolo degli astrofili nella società e della stessa UAI: non nascondo, anzi è un vanto poter dire che da quegli spunti sono nate molte delle attività e dei progetti poi messi in campo per far crescere il nostro sodalizio.

Anche così Luigi ha continuato a dare il suo contributo, pur non ricoprendo gli importanti ruoli che lo hanno visto protagonista nei primi decenni di vita della UAI, ed è anche per questa sua costante presenza e partecipazione (non comune) che la UAI stessa gli ha tributato il suo massimo riconoscimento, il Premio Lacchini, in occasione del 50° anniversario (nel 2017).

Ho potuto poi di nuovo salutare Luigi con grande piacere, e questa volta da neo-Presidente, nella sua Bologna durante il Congresso UAI del 2019, non pensando certamente che sarebbe stata l’ultima volta, di persona: ma la riconoscenza e l’affetto trascendono le singole occasioni e vanno oltre il nostro passaggio su questa Terra.

Grazie di tutto quindi, Luigi, che la Terra ti sia lieve, insieme a Cieli sempre Stellati, come diciamo tra astrofili.


 

Luigi Baldinelli nel 2017, al centro, assieme ad altri due soci AAB, in occasione delle manifestazioni per il Cinquantesimo dell’Associazione Astrofili Bolognesi.

Foto scattate in occasione del 50° Congresso dell’UAI a Frosinone. Nelle foto Luigi Baldinelli riceve da Mario Di Sora il prestigioso Premio Lacchini.