Didattica e formazione

L’unicità e la varietà dell’Astronomia sono straordinarie. Non esiste altra disciplina che includa al suo interno così tante componenti scientifiche: la fisica, la chimica, la matematica, la geologia, la statistica, la biologia, sono tutte applicate contemporaneamente per ricercare soluzioni ad argomenti astronomici.

Al tempo stesso tutta la preistoria e la storia dell’Umanità si possono leggere attraverso l’evoluzione delle conoscenze in Astronomia. I legami con l’arte in tutte le sue molteplici espressioni, con la letteratura, con la filosofia sono infiniti.

Come se non bastasse, l’Astronomia è semplice, entusiasmante, attraente: proprio quello che ci vuole con gli studenti!

Per tutti questi buoni motivi l’Unione Astrofili Italiani si adopera perchè l’Astronomia sia considerata non tanto e non solo come disciplina scientifica a se stante, ma soprattutto come chiave per aprire alla scienza e alla cultura l’animo degli studenti di tutte le età: dai bambini delle scuole elementari ai giovani degli ultimi anni delle scuole superiori.

Il “Cielo in una … Scuola”, progetto della Commissione Didattica dell’UAI, si colloca perfettamente in questo scenario e desidera utilizzare al meglio le potenzialità dell’Astronomia individuando di volta in volta specifici argomenti di caratteristiche trasversali

Per la Commissione Didattica le scuole sono considerate laboratori a cielo aperto, ma, purtroppo, nella maggior parte dei casi esse, localizzate nelle città, non riescono ad effettuare osservazioni dei corpi celesti meno luminosi, a causa dell’inquinamento luminoso. Questo fatto, però, non solo crea l’occasione di introdurre il discorso su questa subdola forma di inquinamento, punto di partenza per parlare più in generale delle problematiche ambientali relative al nostro pianeta, ma integra le attività didattiche con visite agli Osservatori sociali delle Associazioni di Astrofili locali e, ove presenti e possibile, alle strutture professionali.

Due sono le caratteristiche delle attività didattiche dell’UAI:

  • la collaborazione tra astrofili e docenti
  • percorsi didattici soprattutto pratici

L’insegnante è il polo verso cui far convergere le competenze, le capacità e le esperienze degli astrofili, competenze ed esperienze che, opportunamente rielaborate in precisi percorsi didattici, l’insegnante potrà, a sua volta, riversare sugli allievi.

La Commissione Didattica UAI considera veramente importante la seconda caratteristica: sappiamo che per gli allievi, di tutte le età, fare attività pratiche è molto interessante e che, purtroppo la scuola italiana è poco attiva in questo campo.
Dal 2008 l’Unione Astrofili Italiani è Ente Accreditato presso il MIUR ad erogare corsi di formazione; la Commissioni Didattica organizza, pertanto, Corsi Residenziali e Scuole Estive per docenti di ogni ordine e grado distribuiti in tutta Italia. Nei corsi, insieme ad argomenti teorici, vengono esposti ai docenti diversi tipi di attività pratiche pensate per alunni di ogni ordine e grado.


Referente: Ugo Ghione

Sito web dedicato: didattica.uai.it

Allo stato attuale, sono stati attivati nell’ambito della Commissione i seguenti Programmi nazionali di attività:

PNA Mission Responsabile
Coordinamento offerta formativa Individuare e condividere best-practice nelle attività di supporto alla didattica di Delegazioni ed Associazioni Astrofile; elaborare linee-guida e format ottimali Ugo Ghione
Strumenti didattici (Il Cielo in una Scuola) Creare un “toolkit” di materiali, strumenti e laboratori da mettere a disposizione delle Delegazioni per lo svolgimento delle loro attività nelle Scuole Ugo Ghione
Corsi accreditati Valorizzare l’accreditamento UAI selezionando un circuito permanente di corsi di aggiornamento professionale per gli insegnanti di elevata qualità, sul territorio, gestiti dalle Delegazioni Titti Guerrieri
AstroAcademy Realizzare una scuola residenziale UAI di eccellenza per la formazione di operatori astrofili di supporto alla didattica e divulgazione scientifica; introduzione di un programma di certificazione e relativo albo quale elemento qualificante del volontariato di promozione scientifica rispetto ad entità commerciali o ambigue sempre più diffuse Ugo Ghione