Il Presidente UAI Mario DI SORA ha tenuto il 2° seminario sull’inquinamento luminoso, organizzato dall’Ing. Luca FRATINI della Direzione Tecnica di TRENITALIA, per tecnici e responsabili delle politiche ambientali della società.

L’incontro, che si è svolto a Roma il 3 ottobre, ha coinvolto 24 partecipanti provenienti da tutta Italia, con una durata di 4 ore.

Dopo l’introduzione dell’Ing. Luca Fratini, che ha illustrato le finalità del seminario per l’aggiornamento tecnico e normativo del personale RSGT e ASGT Ambiente di TRENITALIA, ha preso la parola Mario Di Sora che ha presentato due relazioni: la prima sul fenomeno fisico dell’inquinamento luminoso, le modalità con cui questo si propaga nell’atmosfera, come può rilevato e quantificato in base alle grandezze fotometriche.

La seconda parte del corso si è concentrata sulla legislazione vigente in Italia dopo l’approvazione delle varie leggi regionali varate dal 1997 ad oggi, mettendo a confronto le principali prescrizioni di queste

Durante il corso è stato illustrato anche il funzionamento di luxmetri, luminanzometri ed SQM, strumenti indispensabili per misurare le prestazioni di alcuni tipi di impianti ed il valore di luminosità del cielo notturno.

A conclusione Mario Di Sora ha mostrato i risultati positivi raggiunti in provincia di Frosinone, ma anche in altre zone del Lazio, grazie all’impegno quotidiano dell’Osservatorio di Campo Catino nel controllo del territorio che ha effettuato otre 3.000 interventi dal 2000 ad oggi autonomamente o in collaborazione con Arpa Lazio e vari comandi di polizia locale.

Le numerose le domande poste a seguito delle relazioni dimostrano quanto sia utile organizzare eventi di questo tipo che confermano l’impegno dell’UAI, in campo nazionale, e dell’Osservatorio di Campo Catino in ambito più locale, per fare opera di sensibilizzazione e fornire supporto tecnico e legislativo a tutti i soggetti interessati siano essi enti pubblici o privati, ordini professionali o grandi gruppi del settore trasporti come TRENITALIA che ha confermato, con questa iniziativa, una specifica attenzione alle tematiche ambientali.

ALCUNE FOTOGRAFIE DELL'EVENTO

trenit1

 

tren it2

Pubblicato in UAI NEWS

Caserta locandina

Martedi 17 aprile si terrà a Caserta presso la sede dell’Ordine Ingegneri di Caserta l’interessante evento riguardante il progetto LIFE-DIADEME. ( https://www.diademe.it/ ).

Con il patrocinio dell’ UAI e di CIELO BUIO nonché con il supporto della Reverberi Enetec dell’Agire il seminario presenta le nuove tecnologie per il risparmio energetico nell’illuminazione pubblica, e non solo, attraverso il controllo adattivo degli impianti.

I lavori inizieranno, come da programma scaricabile, alle ore 14.30 e prevedono oltre ad interventi di saluto le relazioni degli Ingg. Erica Bianconi e Paolo Di Lecce.

I nuovi sistemi di gestione degli impianti sono in grado, in tempo reale, di dimmerare il flusso luminoso in base alle reali esigenze del traffico stradale a partire dal momento di prima accensione e non ad orario fisso come si usava prima.

In tal modo i consumi possono essere ridotti, in molti casi, già dalle prime ore della sera, quando il traffico diminuisce, così abbattendo anche l’inquinamento luminoso.

Il Presidente UAI Mario Di Sora ha suggerito di implementare il progetto con l’uso di sensori tipo SQM al fine di monitorare, in modo oggettivo e riscontrabile, la variazione di brillanza del cielo notturno nei pressi degli impianti gestiti da questo nuovo sistema.

 

La scheda di iscrizione 

scheda iscrizione caserta

 La locandina e la scheda di iscrizione in formato .pdf (si usi Chrome per il download)

Pubblicato in UAI NEWS

IMG-20180330-WA0003


Il Presidente UAI Mario Di Sora è stato ospite ieri, per una lunga intervista rilasciata nel programma di approfondimento Dentro i fatti, negli studi di Sky Tg 24.

L’intervento ha riguardato l’imminente caduta della Tiangong, 1 sfuggita al controllo dei tecnici cinesi ormai da due anni, e ormai attesa in rientro nell’atmosfera probabilmente nel corso del giorno di Pasqua.

Oltre a spiegare come si verificherà il fenomeno della caduta della stazione spaziale e la bassa probabilità che possa arrecare danni a cose e persone Mario Di Sora ha anche parlato, più generalmente, del problema dei detriti spaziali e della necessità del loro monitoraggio da parte di Istituti di ricerca ed Agenzie spaziali.

Peraltro l’Osservatorio di Campo Catino è stato tra i pochi in grado di rilevare uno dei passaggi della Tiangong 1, unitamente a quello della Montagna Pistoiese, evidenziando il ruolo degli astrofili anche in questo settore.

Nel corso del programma è andato in onda anche un contributo dell’astronauta Paolo Nespoli che ha chiarito la sostanziale improbabilità che i residui del satellite possano arrivare fino al suolo con potenzialità di danneggiamento.

A conclusione dell’intervista si è anche parlato, con riferimento alle esplorazioni spaziali del futuro, dei progetti che riguardano la conquista di Marte con lo sbarco di un equipaggio umano sul pianeta rosso entro il 2030.

  

 

 

 IMG-20180330-WA0005

Pubblicato in UAI NEWS

RADIO-LINEA-N1Il presidente dell'Unione Astrofili Italiani (UAI) Mario Di Sora ai microfoni di Radio Linea numero 1 parla del fenomeno della Superluna di mercoledì 31 gennaio. Precisata la natura non rara ma comunque appariscente dell'evento e le circostanze in cui si verifica.

Il video è disponibile sotto l'articolo

Pubblicato in UAI NEWS
Domenica, 24 Dicembre 2017 18:35

Gli auguri da parte del Consiglio Direttivo UAI

Auguri uai 2017

Cari soci e simpatizzanti dell’UAI,

Il 50° anno dell’UAI è ormai trascorso e, come da tradizione, formulo queste poche righe per gli auguri per le Feste natalizie.

Indubbiamente il traguardo del mezzo secolo di vita, per un’associazione come la nostra, oltre che a rappresentare un indubbio successo impone anche una riflessione su come affrontare il futuro per far si che, sotto buoni auspici e con il concorso di tutti, se ne possano aggiungere altri 50.

Ed è proprio per questo che negli ultimi due anni il CD in carica ha proposto e fatto approvare dall’Assemblea una profonda riforma dell’UAI che pone a base del suo funzionamento la struttura delle Delegazioni.

Fra due anni ci sarà il rinnovo delle cariche sociali e coloro che prenderanno il timone dell’Unione avranno il compito di attuare le nuove norme per dare un assetto più moderno e rispondente alle mutate esigenze del mondo astrofilo.

Nel corso del Congresso di Frosinone è stato bello però rievocare i primi passi dell’UAI, nel 1967, con le parole del primo Presidente Luigi Baldinelli e di Franco Foresta Martin, ormai gli unici fondatori ancora in vita.

Narrazione ulteriormente arricchita poi dagli interventi dei past President Giancarlo Favero ed Emilio Sassone Corsi.

Auspico vivamente che questo patrimonio, che è stato accumulato in 5 decenni, venga comunque posto a base dell’UAI chiamata ad operare nel terzo millennio.

E con piacere ed orgoglio segnalo che anche la RAI si è interessata all’UAI con la trasmissione “ Spazio Aperto”, andata in onda su RAI 3 il 2 giugno e condotta dalla giornalista Raffaella De Pascale.

Ho motivo di poter dire che l’Unione, in questi anni, tanto ha fatto non solo per divulgare la cultura dell’Astronomia ma anche per sostenere le iniziative dei vari gruppi astrofili italiani e degli osservatori o planetari da essi gestiti.

Per il 2018 abbiamo deciso di tenere il Congresso nella bella cornice dell’OPC, Osservatorio Polifunzionale del Chianti a Barberino Val d’Elsa, inaugurato di recente ed indicativo di cosa si possa fare anche nel campo dell’astrofilia avanzata.

La posizione sostanzialmente centrale del luogo rende di certo più facile la partecipazione per la maggior parte dei Soci che invito fin da ora a partecipare.

Un grazie ai membri del CD per l’impegno profuso per la crescita dell’Unione.

Auguri di Buon Natale e di un felice 2018 anche da parte di tutti i Consiglieri.

Mario Di Sora

Presidente UAI

Pubblicato in UAI NEWS

Locandina Frosinone
 

Si terrà venerdì 27 ottobre, alle ore 18 presso la Villa Comunale di Frosinone, il quarto incontro del format "Pillole di Scienza" organizzato dall'Istituto Galileo Ricerca e Formazione e dall'Osservatorio Astronomico di Campo Catino con il patrocinio della Regione Lazio, della Provincia e del Comune di Frosinone, dell'Università di Cassino e del Lazio Meridionale nonché dell'Unione Astrofili Italiani.

La conferenza, che sarà tenuta dal noto giornalista scientifico del Corriere della Sera e direttore della rivista Astronomia UAI, Franco Foresta Martin, Premio Lacchini UAI nel 2016, è intitolata "Stelle cadenti, meteoriti, microsferule e ...animali vari”.

Il relatore, uno dei più famosi divulgatori italiani ed anche collaboratore del programma Quark, non si limiterà ad illustrare il fenomeno delle meteore, più comunemente note come stelle cadenti, ma anche a narrarne tutte le implicazioni fisiche ed astronomiche non trascurando, come si evince dal titolo, aneddoti sconosciuti e, in alcuni casi, esilaranti, legati al ritrovamento delle più importanti meteoriti cadute sulla superficie della Terra.

Come noto le stelle cadenti, in realtà, sono frammenti di polvere interplanetaria o derivata dal residuo delle code cometarie che, attratti dal campo gravitazionale del nostro pianeta, entrano nell'atmosfera ad oltre 30.000 km orari incendiandosi per attrito con la stessa.

La maggior parte delle scie luminose che vediamo in cielo di notte sono provocate da corpi con dimensioni non superiori a quelle di un sassolino. Solo nei casi di maggior massa le meteore possono essere definite come bolidi.

Un incontro quindi di grande spessore culturale che da conto di quanto sia l'Istituto Galileo, che ha realizzato negli anni scorsi le Giornate della Scienza, sia l'Osservatorio di Campo Catino si impegnino ormai da tanto tempo per la diffusione della cultura scientifica nella provincia di Frosinone.

 

Franco Foresta Martin e Mario Di Sora

 

Pubblicato in UAI NEWS

Scalinata-Trinità-dei-Monti

 

 Lunedi 29 maggio il Presidente UAI Mario Di Sora, Direttore dell’Osservatorio di Campo Catino, sarà ospite al Convegno CRIET-ENEA “Inquinamento luminoso: a che punto siamo?

L’evento, organizzato in collaborazione con numerosi Enti e soggetti, presso l’Auditorium G. Martinotti dell’Università Bicocca, prevede una serie di relazioni e tavole rotonde volti a fare il punto dell’attuale situazione sull’inquinamento luminoso in Italia.

Mario Di Sora parteciperà, con un suo contributo, alla tavola rotonda sulla qualità della progettazione, ancora molto carente in Italia.

Nel corso dell’intervento il Presidente UAI illustrerà una relazione sull’inquinamento luminoso, il risparmio energetico e l’ambientazione urbana con l’avvento delle nuove sorgenti a led, tecnologia tanto osannata negli ultimi anni ma non sempre all’altezza delle aspettative, sia per i costi che per i risultati.

Infatti, in base ai dati raccolti da fonte TERNA, è emerso che negli ultimi anni nessun risparmio apprezzabile è derivato dall’impiego dei led mentre i costi per il passaggio a queste sorgenti è ancora rilevante per le amministrazioni e non sempre conveniente in relazione all’effettiva durata delle stesse e alle prestazioni rese.


Immagine1

Un articolo du Giovanna Vitale sull'illuminazione nella città di Roma 

PROGRAMMA DEL CONVEGNO IN FORMATO PDF (usare preferibilmente il browser CHROME)

Pubblicato in UAI NEWS

Un articolo pubblicato il 3 aprile su Il Fatto Quotidiano. Si parla di Il cielo nascosto: l'Italia è ai primi posti per l'inquinamento luminoso, i lampioni disperdono energia e 8 italiani su 10 non vedono la volta celeste. 
Il testo è leggibile anche in formato .pdf (vedere in calce all'articolo). 

Fatto 3 4 2017

Per leggere la versione in pdf (di più agevole lettura). Raccomandato il browser Chrome.



Pubblicato in UAI NEWS

iacona

 

Nella puntata di lunedi 9 gennaio di PRESA DIRETTA, presentato da Riccardo Iacona su RAI 3 alle 21.15, si parlerà anche di inquinamento luminoso, eccesso di luce e risparmio energetico.

Nel corso della trasmissione, che inizialmente tratterà del fiume di miliardi spesi a Roma negli ultimi anni per opere pubbliche inutili o incompiute, verrà presentato un report sullo stato attuale dell’illuminazione esterna delle città italiane, tra le più rischiarate dell’UE, tanto che consumiamo circa il doppio della media europea (104 Kwh/anno procapite contro 51 Kwh) per il solo comparto pubblico, in pratica circa 1,3 miliardi di €.

Il servizio, realizzato dalla giornalista Lisa Iotti, non si limiterà però solo alla problematica dell’inquinamento luminoso come forma di sperpero e disturbo alle osservazioni del cielo per astronomi e astrofili ma anche alle ripercussioni sulla salute umana e sulla sicurezza stradale.



lisa-iotti-776339

La giornalista Lisa Iotti

Molti impianti di illuminazione infatti sono pericolosamente abbaglianti come tabelloni pubblicitari con luminanze oltre 1000 cd/mq e fari che inviano luce direttamente negli occhi degli automobilisti. Inoltre negli ultimi anni si è anche scoperto che la sovraesposizione alla luce artificiale può, nei casi più gravi, portare all’insorgenza di forme tumorali.

E’ prevista la partecipazione dei rappresentanti di varie Associazioni di tutela del cielo notturno e studiosi di questo fenomeno. Per l’Unione Astrofili Italiani il Presidente Mario Di Sora illustrerà la situazione di alcuni impianti romani, misurati con gli strumenti dell’Osservatorio di Campo Catino che, da oltre 20 anni, si è distinto, in campo nazionale, per gli oltre 2.500 controlli effettuati nel Lazio per il rispetto della L.R 23/2000.

A tal riguardo il solo comune di Roma, che ha sistematicamente omesso, dal 2000 ad oggi, di utilizzare i dispositivi di risparmio energetico ha dilapidato oltre 120 milioni di € che potevano essere risparmiati a vantaggio dei contribuenti romani.

Un’occasione, quella offerta lunedi 9 gennaio alle ore 21.15 da PRESA DIRETTA, per avere un quadro ad ampio raggio di un problema spesso sottovalutato e che invece merita di essere preso in seria considerazione per le sue molteplici implicazioni economiche, culturali, scientifiche, sanitarie e di sicurezza stradale.

201414105845 pontemusica3

Pubblicato in UAI NEWS

Auguri uai 2015



Cari soci e simpatizzanti dell’UAI,

anche il 2016 è trascorso e, per gli auguri per le Feste natalizie, cogliamo l’occasione per ricordare le più importanti attività svolte dall’Unione.

Al primo posto certamente la riforma dell’Unione, come già detto in senso più federale, ormai approvata dal Congresso di Prato e in fase di perfezionamento con la redazione del regolamento attuativo.

Grazie al sostegno del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali è stato realizzato l’originale progetto “STELLE PER TUTTI”, ideato per avvicinare all’Astronomia ciechi, ipovedenti e portatori di disabilità varie che precludono, in parte o in tutto, attività osservative. Si è iniziato con il progetto pilota, realizzato dagli amici dell’APA-LAN in provincia di Latina, per poi estendere l’esperienza, ricca anche di contenuti e finalità umani e sociali, al resto del territorio nazionale secondo la disponibilità dei gruppi astrofili. Anche quest’anno, a luglio, si è tenuta la Scuola di Astronomia Estiva a Campo Catino ormai punto di riferimento per l’aggiornamento per i docenti italiani. Per non parlare poi dei numerosi Star Party che UAI organizza o patrocina su tutto il territorio nazionale e dei vari workshop tenuti dalle sezioni di ricerca UAI più attive.

Per i vari eventi del 2017 è già in rete il calendario UAI che prevede numerosi eventi tra cui, il più importante, il Congresso UAI, che si svolgerà a Frosinone nel mese di Maggio con l’impegno dell’Osservatorio Astronomico di Campo Catino che mi onoro di rappresentare. Un appuntamento particolarmente significativo che celebrerà, quest’anno, i 50 anni di vita della nostra cara Unione. Sarà l’occasione non solo per ricordare gli uomini che l’hanno guidata in mezzo secolo ma anche per capire come è cambiato il ruolo degli astrofili in tutti questi anni.

La scelta della sede, del resto, non è stata casuale in quanto la posizione geografica di Frosinone, a metà strada tra Roma e Napoli, con stazione ferroviaria e casello autostradale, rende particolarmente comodo l’appuntamento per la maggior parte dei Soci che, spero vivamente, vorranno partecipare in gran numero anche per lo spegnimento ideale di ben 50 candeline!

Ancora una volta un grazie di cuore ai membri del CD per l’impegno profuso per il bene dell’Unione e con l’obbiettivo di metterla sempre più al servizio della comunità astrofila italiana.

Auguri di Buon Natale e di un felice 2017 anche da parte di tutti i Consiglieri.

Mario Di Sora

Presidente UAI

Pubblicato in UAI NEWS
Pagina 1 di 3
TOP