Per la prima volta si è visto un oggetto celeste emettere sia fotoni sia neutrini. Il video dell'intervista a Patrizia Caraveo (Inaf), Premio Lacchini 2018, conferito dall'UAI durante l'ultimo Congresso, che parla della nascita dell'astronomia neutrinica.

 L'articolo sul sito dell'INAF

 

 

 

Pubblicato in UAI NEWS

 780px-Moonwatch2011

L’ International Observe the Moon Night (InOMN) - http://observethemoonnight.org/ - è una iniziativa promossa a livello mondiale da numerose organizzazioni, enti di ricerca, associazioni, scienziati, educatori.

Nel team promotore della InOMN sono coinvolte numerose importanti istituzioni: Astronomical Society of the Pacific & the NASA Night Sky Network, EU-Universe Awareness, Lunar and Planetary Institute, NASA Lunar Science Institute per citarne alcune (l'elenco completo è consultabile su http://www.lpi.usra.edu/observe_the_moon_night/about-inomn-team/ ).


In Italia da alcuni anni l’appuntamento è promosso da INAF - Istituto Nazionale di Astrofisica – e UAI - Unione Astrofili Italiani.

Come ormai consuetudine, lo star party internazionale sarà un’occasione per organizzare osservazioni al telescopio dedicate alla Luna e per approfondire temi quali la genesi e le caratteristiche fisiche, le missioni spaziali passate e in programmazione, la mitologia, la storia delle osservazioni, la poesia, la musica e le diverse espressioni artistiche ispirate al nostro satellite naturale.

L’UAI invita le associazioni astrofili locali ad aderire all'iniziativa organizzando presso le proprie sedi attività divulgative e postazioni osservative dedicate all'osservazione della Luna: un Moonwatch Party per ogni associazione partecipante !

La data proposta per il 2017 è sabato 28 ottobre. La fase lunare sarà poco oltre il Primo Quarto.

 800px-Adesioni InOMN - europa

Come si nota da questa mappa, ricavata dal sito della InOmn 2016, che riportava tutte le iniziative geolocalizzate per le quali gli organizzatori avevano comunicato la propria adesione, l’Italia è stato il paese europeo con la partecipazione più numerosa. In tutto il mondo gli eventi sono stati 611 in 59 paesi diversi, come dichiarato sulla pagina http://www.lpi.usra.edu/observe_the_moon_night/past-future-events/ .
Sarebbe un ottimo risultato poter confermare anche quest’anno una partecipazione così massiccia, che possa evidenziare ancora di più come l’astronomia amatoriale italiana sia tra le più attive nel campo della divulgazione e dell’organizzazione delle manifestazioni aperte al pubblico.
Contiamo quindi anche per il 2017 nella collaborazione delle associazioni di astrofili su tutto il territorio nazionale !

Saremo lieti di ricevere la comunicazione delle adesioni e le vostre foto della Luna e dei Moonwatch Party con il pubblico, che pubblicheremo su una apposita galleria fotografica sul sito della Commissione Divulgazione UAI !

Commissione Divugazione UAI

divulgazione@uai.it


La locandina da personalizzare :
- http://www.lpi.usra.edu/observe_the_moon_night/wp-content/uploads/2015/05/InOMNflyer2017.pdf


COME REGISTRARE IL PROPRIO EVENTO


In occasione di questo ed altri importanti eventi l’UAI conferma il proprio impegno a darne massima diffusione attraverso comunicati stampa, newsletter, segnalazioni sui social networks e attraverso le UAInews pubblicate sulla homepage www.uai.it.

In particolare si invitano le associazioni ad usufruire dei servizi offerti dal portale “La Rete degli Astrofili Italiani”  : nei paragrafi successivi sono riportate istruzioni e indicazioni per creare le schede delle associazioni e degli eventi sul sito www.reteastrofili.it.


E’ inoltre necessario registrare gli appuntamenti anche sul sito internazionale : http://www.lpi.usra.edu/observe_the_moon_night/register-your-event/ .
Infine, è gradita la comunicazione della propria adesione via mail all’indirizzo divulgazione@uai.it.

L’INAF dedica all'evento una pagina Facebook :
https://www.facebook.com/lanottedellaluna


Informazioni aggiornate sulla InOMN 2017 saranno pubblicate sulla pagina web del sito UAI dedicate al Moonwatch 2016 a cura della Commissione Divulgazione UAI.
Il logo InOMN è disponibile per il download alla pagina http://www.lpi.usra.edu/observe_the_moon_night/event-materials/ .

Come sempre auspichiamo un'ampia partecipazione da parte degli astrofili italiani e ci auguriamo di replicare il successo delle edizioni precedenti.

Cieli sereni !

Commissione Divugazione UAI

Per informazioni :
divulgazione@uai.it
Moonwatch

Pubblicato in UAI NEWS

ThumbJpegScaricabile in pdf, la bibliografia è accessibile dal 2006 e viene compilata annualmente nel mese dicembre.
Frutto della cooperazione avviata tra l'Osservatorio Astrofisico di Arcetri INAF e Idest, editore di LiBeR, rivista trimestrale di informazione bibliografica e di orientamento nel campo dei libri per ragazzi, e di LiberDatabase, archivio di tutti i libri per ragazzi editi in Italia dal 1987, essa nasce dalla collaborazione tra una biblioteca di un ente pubblico di ricerca scientifica e un editore specializzato, uniti nello sforzo comune di far arrivare le risorse informative ad un'utenza più vasta.

E' uno strumento di reference a disposizione di chi desidera avere a portata di mano la produzione editoriale italiana di astronomia per bambini e ragazzi: una scelta di 57 libri di astronomia suddivisi per 4 fasce di età a disposizione dei giovani lettori.

http://www.beniculturali.inaf.it/easyne2/eventi/libri_di_astronomia_per_bambini_e_ragazzi_2016/

 
Libri di Astronomia per Bambini e Ragazzi, 2016

 Introduzione-Laber-2016.pdf
 Libri-di-astronomia-bambini-ragazzi-2016.pdf -copertina

Sezioni consultabili per fascia di età:

 Laber-tre-cinque-anni-2016.pdf
 Laber-sei-otto-anni-2016.pdf
 Laber-otto-dieci-anni-2016.pdf
 Laber-unidici-quattordici-anni-2016.pdf


BIBLIOGRAFIA REALIZZATA DA:
INAF Osservatorio Astrofisico di Arcetri
Bibliotec
a
Largo E. Fermi, 5
50125 Firenze
Tel.: 055/2752237

Pubblicato in ASTRO NEWS

InOMN 2016 postcard


L’ International Observe the Moon Night (InOMN) - http://observethemoonnight.org/ - è una iniziativa promossa a livello mondiale da numerose organizzazioni, enti di ricerca, associazioni, scienziati, educatori.
Nel team promotore della InOMN sono coinvolti la NASA ed altre importanti istituzioni: Astronomical Society of the Pacific & the NASA Night Sky Network, EU-Universe Awareness, Lunar and Planetary Institute, NASA Lunar Science Institute per citarne alcuni (l'elenco completo è consultabile su http://observethemoonnight.org/about/).
In Italia da alcuni anni l’appuntamento è promosso da INAF - Istituto Nazionale di Astrofisica – e UAI - Unione Astrofili Italiani.

Il comunicato dell'INAF relativo alla Notte della Luna  http://www.media.inaf.it/2016/10/06/moonwatch-party/

Come ormai consuetudine, lo star party internazionale sarà un’occasione per proporre osservazioni al telescopio dedicate alla Luna e per approfondire temi quali la genesi e le caratteristiche fisiche, le missioni spaziali passate e in programmazione, la mitologia, la poesia, la musica e le diverse espressioni artistiche ispirate al nostro satellite naturale.
L’UAI invita le associazioni astrofili locali ad aderire all'iniziativa organizzando presso le proprie sedi attività divulgative e postazioni osservative dedicate all'osservazione della Luna: un Moonwatch Party per ogni associazione partecipante !
La data proposta per il 2016 è sabato 8 ottobre. La fase lunare sarà praticamente al Primo Quarto (fase che sarà raggiunta nelle prime ore del giorno successivo, prima del sorgere del Sole del 9 ottobre).
La sera dell'8 ottobre, proprio in occasione della InOMN, tutto il mondo potrà ammirare la congiunzione tra la Luna prossima al Primo Quarto e il pianeta rosso, Marte.
I due astri si incontrano nella costellazione del Sagittario. 
Osservando il cielo poco dopo il tramonto dell'8 ottobre, a Sud - Ovest, oltre alla Luna si può osservare un suggestivo "corteo" di pianeti : Venere, Saturno e Marte. Venere e Saturno tramontano nel corso delle prime ore della sera.

Si invitano le associazioni ad usufruire dei servizi offerti dal portale “La Rete degli Astrofili Italiani”  www.reteastrofili.it, per registrare il loro evento.

Sullo stesso sito, tutti coloro che vorranno "vedere la Luna con i telescopi degli astrofili" potranno trovare la località più vicina dove si svolge la serata osservativa dedicata a questo evento mondiale.

E’ possibile registrare gli appuntamenti anche sul sito internazionale : http://www.lpi.usra.edu/observethemoonnight/getInvolved/register_event.cfm .
I responsabili delle Associazioni sono inoltre invitati a comunicare la propria adesione via mail all’indirizzo divulgazione@uai.it.

Informazioni aggiornate sulla InOMN 2016 sono pubblicate sulla pagina web del sito UAI dedicate al Moonwatch 2016 a cura della Commissione Divulgazione UAI.
Come sempre auspichiamo un'ampia partecipazione da parte degli astrofili italiani e ci auguriamo di replicare il successo delle edizioni precedenti.

Cieli sereni !

Commissione Divugazione UAI

Per informazioni :
divulgazione@uai.it

Pubblicato in UAI NEWS
Martedì, 13 Ottobre 2015 22:30

Dare un nome agli esopianeti

exoplanets

Annunciato dall'Unione Astronomica Internazionale (IAU), il concorso NameExoWorlds ideato per dare al pubblico la possibilità di votare i nomi migliori tra quelli proposti dai club di astronomia di tutto il mondo per i 305 pianeti appena scoperti nei dintorni di stelle vicine. Sono 20 nuovi sistemi planetari, dal più semplice composto da una stella e un pianeta a quello più complesso, formato da uno o più stelle fino ad un massimo di 5 pianeti.

La IAU fondata nel 1919 è l'organismo ufficiale che si occupa di promuovere e salvaguardare la scienza dell'astronomia in tutti i suoi aspetti attraverso la cooperazione internazionale. E' l'organo ufficialmente riconosciuto dagli astronomi e da altri scienziati di tutto il mondo come l'autorità competente alla denominazione dei corpi celesti.

Dal 12 agosto, e fino al 31 ottobre 2015 è possibile partecipare alla fase finale dell’iniziativa “Name ExoWorlds”, che permetterà di votare il nome da assegnare agli esopianeti scegliendo, per ciascuno di essi, da una lista di nomi precedentemente selezionati da varie organizzazioni di tutto il mondo sul portare IAU dedicato, nameexoworlds.iau.org, le due proposte ritenute migliori, e i cui dettagli possono essere letti nel sito “Uno, Nessuno Centomila Sistemi Solari” dedicato alla ricerca di pianeti extrasolari in Italia:altrimondi.inaf.it/iaucontest.

ALCUNE DELLE PROPOSTE ITALIANE

 

  • INAF:   proposta di nomi incentrati sulla natura e mitologia per il sistema mu Arae. Per la stella, che si trova a 50 anni luce di distanza da noi ed è molto simile al nostro Sole, è stato proposto il nome greco Riza (radice, origine), mentre per i pianeti sono stati scelti quattro fiori: Lotus, Helianthus, Hibiscus e Camelia.

  • ATA -Associazione Tuscolana di Astronomia: per la stella PSR 1257+12 collialbani. I nomi  proposti per i 3 esopianeti riguardano toponimi dei Colli Albani su cui sorge l'Osservatorio Astronomico “Fuligni”.  PSR 1257 + 12 b maschiofaete  è la vetta più alta del gruppo Colli Albani - PSR 1257 + 12 c Montecavo (su questo monte sorgeva un importante tempio romano consacrata al dio "Giove Latiaris" -  PSR 1257 + 12 d montepeschio - il  terzo picco come altezza del gruppo Colli Albani 
  • SAIt: per il sistema planetario 55 Cancri i nomi di intelligenze artificiali tratti da famose opere di fantascienza. 55 Cancri è composto da un sistema binario di stelle e da cinque pianeti. I nomi proposti per le due stelle sono ispirati dal romanzo La Luna è una severa maestra di R. A. Heinlein (1966): Mike e Michelle. Per i pianeti invece sono stati proposti nomi tratti dal grande schermo: Jane (dalla serie Il gioco di Ender), Joshua (dal film War Games), Simone (dal film S1m0ne), HAL (dal film 2001: Odissea nello spazio) e Samantha (dal film Lei).
  • Planetario di Roma:  proposta per la pulsar PSR 1257+12:  i nomi presentati attingono alla mitologia latina: così la pulsar potrebbe essere nominata “Gravitas”, per la sua enorme gravità e l’affidabilità del suo segnale e il pianeta più interno potrebbe assumere il nome di “Trivia”, epiteto della Luna, avendo dimensioni simili al nostro satellite. “Antevorta” e “Postvorta” sono le proposte per i due pianeti esterni, simili per volumi a due Superterre, e in moto su orbite risonanti tra loro: mentre Antevorta compie tre giri intorno alla pulsar, Postvorta ne completa solo due. Visti l’uno dall’altro, sono come due orologi che sembrano proiettarsi in avanti o rimanere indietro: da qui la scelta di Antevorta (dea del futuro) e Postvorta (dea del passato).


Le operazioni per votare sono semplicissime e bastano pochi minuti. Bisogna collegarsi al sito: nameexoworlds.iau.org/ ed entrare nella sezione “For Individuals”.
Non è richiesta alcuna iscrizione. Si aprirà una pagina dove sono elencati i 20 sistemi planetari per i quali votare il nome tra quelli proposti.
Tutti possono votare.
Per maggiori informazioni scrivere a: nameexoworld@brera.inaf.it e/o consultare il sito altrimondi.inaf.it

Pubblicato in UAI NEWS

locandina F-CHROME



F-CHROMA (Flare CHRomospheres: Observations, Models and Archives; http://www.fchroma.org) è un progetto di ricerca finanziato dall'Unione Europea mirato allo studio dei brillamenti solari (flare). Vi partecipano sette Università ed Istituti di Ricerca europei, tra cui INAF e Università di Catania.

Dal 19 al 27 settembre prossimi, F-CHROMA organizza una campagna per l'osservazione ad alta risoluzione di flare solari, che vede coinvolti diversi dei principali Osservatori e strumenti sia da Terra che dallo spazio, tra cui CRISP@SST, IBIS@DST e IRIS (vedi link in nota). Questi strumenti forniscono dati spettrali preziosissimi, in particolare per quel che riguarda il problema della deposizione dell'energia nella "bassa" atmosfera solare, ma hanno campi di vista molto limitati (tra 1 e 2 minuti d'arco). L'acquisizione di immagini di contesto risulta quindi fondamentale per una completa comprensione del fenomeno.

F-CHROMA intende quindi richiedere la collaborazione degli astrofili a questa campagna osservativa. L'intervallo primario di osservazione è 13:00-17:00 UT, e il target verrà scelto e comunicato in genere con 1 giorno di anticipo. Sono particolarmente apprezzate serie temporali ad alta cadenza, sia di Sole intero che di regioni attive, in luce bianca e monocromatica, acquisite con filtri ben calibrati.

Informazioni dettagliate su come partecipare e come osservare (fate particolare attenzione alla parte sulla calibrazione!) sono disponibili a: http://fchroma.astro.uni.wroc.pl/index.php/f-hunters.html.

Per coadiuvare la partecipazione degli astrofili, abbiamo creato il gruppo Facebook "A CACCIA DI FLARE CON F-CHROMA", dove contiamo di dare informazioni aggiuntive e (a breve) le traduzioni in italiano dei documenti principali.

Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/721823634614116/

Altri link utili:

CRISP: http://www.solarphysics.kva.se/crisp.html

IBIS: http://www.arcetri.astro.it/science/solar/ibis

IRIS: https://iris.lmsal.com/

Pubblicato in UAI NEWS
TOP