I membri della SdR Luna UAI Bruno Cantarella e Luigi Zanatta hanno ottenuto il Quarto ed importante risultato nella ricerca degli Impatti Lunari. Infatti il Marshall Space Flight Center della NASA che si occupa a livello professionale dello studio, della ricerca e dell’analisi degli Impatti Lunari https://www.nasa.gov/centers/marshall/news/lunar/index.html e che ha il compito inoltre di raccogliere tutte le osservazioni di sospetti flash da impatto registrati dagli osservatori lunari sparsi in tutto il mondo che si occupano di questo tipo di ricerca, ha convalidato come Candidato Impatto n° 31 nella lista degli “Independent Observers” e catalogati dal Meteoroid Environment Office (MEO) https://www.nasa.gov/centers/marshall/news/lunar/independent_impact_candidates.html il flash da Impatto registrato in data 1 Gennaio 2017 alle ore 17:47:07 TU dai nostri due membri che fanno parte del Team di ricerca Impatti costituito all’interno della SdR Luna e coordinato dal Responsabile di Sezione.

Questo nuovo evento luminoso da Impatto osservato e registrato da Cantarella e Zanatta dal sito osservativo di Melazzo (AL), 44°39'25" Nord, 8°25'52" Est, è stato provocato, come i precedenti già osservati e registrati, dalla caduta a forte velocità di un meteoroide sulla superficie lunare. La registrazione del relativo flash è stata effettuata da un unico telescopio Newton 200/1000 ad f/2.9 con videocamera ZWO mod. ASI 120MM ad un frame rate di 25 fps con una risoluzione dell'immagine di 640x480 in modalità binning 2x2, e tutta la strumentazione era stata installata su una montatura equatoriale EQ6 della Skywatcher. 

Di seguito è pubblicata l’immagine dove compare il flash da Impatto al picco di luminosità (indicato da due linee rosse).

 

impatto luna


Il riconoscimento con la relativa convalida da parte del MSFC NASA di questo quarto evento da Impatto è stato possibile dopo l’invio delle immagini e dei relativi dati osservativi da parte del Coordinatore del Programma Impatti Lunari della SdR Luna al Centro NASA stesso competente in materia, e dove il Team dei ricercatori statunitensi dopo le opportune verifiche effettuate ha potuto ritenere valido questo nuovo risultato ottenuto.
Per maggiori informazioni su questo evento di tipo esplosivo che ha riguardato la superficie del nostro satellite naturale, e per vedere interamente la sequenza del flash da Impatto, consultare la relativa pagina web del sito della SdR Luna:
http://luna.uai.it/index.php/Candidati_Impatti_registrati .

Antonio Mercatali
Responsabile SdR Luna UAI
Coordinatore Programma Impatti Lunari

Pubblicato in UAI NEWS

I membri della SdR UAI Luna Bruno Cantarella e Luigi Zanatta hanno ottenuto un nuovo ed importante risultato nella ricerca degli Impatti Lunari. Infatti il NASA Marshall Space Flight che si occupa a livello professionale dello studio, della ricerca e dell’analisi degli Impatti Lunari https://www.nasa.gov/centers/marshall/news/lunar/index.html e che ha il compito inoltre di raccogliere tutte le osservazioni di sospetti flash da impatto registrati dagli osservatori lunari sparsi in tutto il mondo che si occupano di questo tipo di ricerca, ha convalidato come Candidato Impatto n° 30 nella lista degli “Independent Observers” e catalogati dal Meteoroid Environment Office (MEO)
https://www.nasa.gov/centers/marshall/news/lunar/independent_impact_candidates.html il flash da Impatto registrato in data 6 Novembre 2016 alle ore 17:43:12 TU dai nostri due membri che fanno parte del Team di ricerca Impatti costituito all’interno della SdR Luna e coordinato dal Responsabile di Sezione.

Questo nuovo evento luminoso da Impatto osservato e registrato da Cantarella e Zanatta dal sito osservativo di Melazzo (AL), 44°39'25" Nord - 8°25'52" Est, è stato provocato dalla caduta a forte velocità di un meteoroide sulla superficie lunare. La registrazione del relativo flash è stata effettuata da un unico telescopio Newton 200/1000 ad f/2.9 con videocamera ZWO mod. ASI 120MM ad un frame rate di 25 fps con una risoluzione dell'immagine di 640x480 in binning 2x2, e tutta la strumentazione era stata installata su una montatura equatoriale EQ6. Di seguito è pubblicata l’animazione della sequenza delle immagini (indicate da un numero progressivo) dove compare l’evento esplosivo luminoso indicato da due linee rosse, e come si può notare lo stesso è stato impresso in tre frames consecutivi e con luminosità decrescente.

 

terzo impatto lunare SDR UAI

Il flash da impatto del 6/11/2016 alle ore 17:43:12 TU ripreso da Bruno Cantarella e Luigi Zanatta

Il riconoscimento e quindi la relativa convalida da parte del MSFC NASA di questo terzo evento da Impatto è stato possibile dopo l’invio delle immagini e dei relativi dati osservativi da parte del Coordinatore del Programma Impatti Lunari della SdR Luna al Centro NASA stesso competente in materia, e dove il Team dei ricercatori statunitensi dopo le opportune verifiche effettuate ha potuto ritenere valido questo terzo risultato ottenuto.
Il fenomeno esplosivo registrato è durato circa 0,08 secondi (1/12 sec), e dopo un’attenta analisi delle immagini svolte sempre dalla SdR Luna è stato possibile individuare la zona dell'impatto alle coordinate selenografiche di 74°,5 Ovest e 2°,2 Nord +/-0°,2 nella zona lunare situata a Nord di Grimaldi, e più precisamente a Sud del cratere Hedin F e a Nord-Nord-Est del cratere Riccioli H.

Antonio Mercatali

Responsabile SdR Luna UAI
Coordinatore Programma Impatti Lunari

Pubblicato in UAI NEWS

ll NASA Marshall Space Flight Center che si occupa a livello professionale della ricerca degli Impatti Lunari https://www.nasa.gov/centers/marshall/news/lunar/index.html e che ha inoltre il compito di raccogliere tutte le osservazioni di sospetti flash da Impatto registrati dagli osservatori lunari che partecipano al programma da tutto il mondo, ha convalidato come Candidato Impatto Lunare il flash osservato e registrato in data 12 Giugno 2016 alle ore 20:26:59 TU dai membri di Sezione Bruno Cantarella e Luigi Zanatta (Melazzo, AL, 44°39'25" Nord, 8°25'52" Est).

Questo nuovo e secondo importante risultato si fa ad aggiungere al primo Candidato Impatto Lunare registrato sempre da Cantarella e Zanatta in data 12 Marzo 2016.
L'osservazione e la registrazione di questo secondo impatto di un meteoroide sulla superficie lunare è stata effettuata da due telescopi diversi, un Newton 100/400 ad f/4 gestito da Cantarella e un Newton 200/1000 ad f/5 gestito da Zanatta, e ad entrambi i telescopi sono state applicate due videocamere per astronomia della ZWO mod. ASI 120MM, impostate ad un frame rate di 25 fps e con una risoluzione dell'immagine di 640X480.
Entrambi gli strumenti al momento delle osservazioni erano installati su una unica montatura equatoriale EQ6 della Skywatcher.
Di seguito sono pubblicate le due immagini dove compare il flash da impatto ripreso contemporaneamente dai due differenti telescopi Newton impiegati per l'osservazione e la registrazione, il fenomeno luminoso è indicato da due linee rosse.

luna impatto

Il flash da impatto ripreso da Bruno Cantarella, Newton 100/400 ad f/4, ASI 120MM 

 

luna impatto1

Lo stesso flash da impatto ripreso da Luigi Zanatta, Newton 200/1000 ad f/5, ASI 120MM

Il riconoscimento da parte della NASA di questo secondo fenomeno da Impatto ripreso dalla SdR Luna UAI è stato possibile dopo la ricezione delle immagini e dei relativi dati osservativi inviati dal Coordinatore del Programma Impatti Lunari della SdR Luna al Marshall Space Flight Center, e come nel caso del primo Candidato Impatto registrato dagli stessi membri della SdR Luna in data 12 Marzo 2016 e classificato come Impact Candidate n° 28, dopo aver effettuato le opportune verifiche, in particolar modo che il flash ripreso appariva nella stessa posizione selenografica in entrambe le immagini, il Team dei ricercatori statunitensi ha classificato il nuovo flash come Impact Candidate n°29 nella lista degli osservatori indipendenti del NASA Meteoroid Environment Office (MEO)

https://www.nasa.gov/centers/marshall/news/lunar/independent_impact_candidates.html , il settore dell’Ente Spaziale Americano che si occupa dello studio della caduta dei meteoroidi sulla Terra, ma non solo.  Il fenomeno esplosivo registrato è durato circa 0,04 secondi (1/24 sec.), ed impiegando la mappa lunare ad alta risoluzione del Lunar Reconnaissance Orbiter Camera (LROC) è stato possibile individuare la zona dell'impatto alle coordinate selenografiche di 37,0° Ovest e 10,5° Sud +/-0,3° sempre nella parte meridionale dell'Oceanus Procellarum come nel caso del primo Candidato Impatto, e più precisamente a Sud-Est del cratere Scheele.

Antonio Mercatali

Responsabile SdR Luna UAI

Coordinatore Programma Impatti Lunari

Pubblicato in UAI NEWS
TOP