Giovedì, 10 Gennaio 2019 21:27

Dalla sezione Asteroidi UAI - (6478) Gault ha la coda

Scritto da  Paolo Bacci - Sezione Asteroidi UAI
Vota questo articolo
(1 Vota)

L'asteroide (6478) Gault, scoperto il 12 maggio del 1998 dagli Shoemaker (gli scopritori della famosa cometa SL9 che nel 1994 andò ad impattare su Giove) dall'osservatorio astronomico di Monte Palomar, fa parte della fascia principale degli asteroidi che orbitano tra Marte e Giove, con un diametro presunto di circa 3 chilometri.

Epoch 2019 Apr. 27.0 TT = JDT 2458600.5 MPC

M 289.34905 (2000.0) P Q

n 0.28161558 Peri. 83.26761 -0.06020046 +0.99789634 T = 2458851.37726 JDT

a 2.3051451 Node 183.55769 -0.99810066 -0.06049354 q = 1.8588989

e 0.1935870 Incl. 22.81135 -0.01307587 +0.02331132 Earth MOID = 0.98986 AU

P 3.50 H 14.4 G 0.15 U 0

 

Gault orbita

Fig.1 Orbita dell'asteroide Gault

Dalle osservazioni effettuate dal telescopio ATLAS delle Hawaii l'8 dicembre del 2018, l'asteroide viene osservato mostrando una coda di 30” in P.A. 290°. Si presume, da modelli matematici, che l'emissione delle polveri potrebbe essersi verificata a novembre del 2018.

Giorgio Baj, dal proprio osservatorio K38 M57 Observatory, Saltrio, 0.3-m f/5.5 Ritchey-Chretien, la notte del 09/01/2019 ha ripreso l'asteroide che mostra una coda di oltre 3' con P.A. 292 nell'immagine ottenuta con la somma di 50 immagini da 120 secondi ciascuna, e una risoluzione di 2.22”/pixel.

Gault coda

Fig. 2 L'asteroide 6478 Gault mostra una vistosa coda

Gault è osservabile dall'Italia poco dopo le una di notte, con una luminosità di circa 18.7 V mag. Sarà utile seguire l'evoluzione del fenomeno, per cui si invitano gli astrofili a riprenderlo nelle prossime notti.

Nella fascia principale degli asteroidi sono stati identificati oggetti cometari che prendono il nome di Mail-Belt Comet. Tra questi, si segnalano i seguenti:

133P/Elst-Pizarro

176P/LINEAR

238P/P/2005 U1 (Read)

P/2008 R1 (Garradd)

P/2010 A2 (LINEAR)

Un caso analogo si è verificato nel 2010, quando l'asteroide (596) Scheila improvvisamente ha mostrato attività cometaria.

Si può presumere che, sia nel caso di Gault che di Scheila, il loro aspetto sia dovuto ad un micro-impatto che ha eiettato del materiale.

Paolo Bacci Responsabile Sezione Asteroidi UAI

Letto 360 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
TOP