Venerdì, 18 Maggio 2018 22:30

2010 WC9 - passaggio ravvicinato

Scritto da  Andrea Mantero - Paolo Bacci
Vota questo articolo
(0 Voti)

Un asteroide di dimensioni di circa 90 metri, scoperto nel 2010, è stato ritrovato la notte dell'8 maggio dal telescopio di Monte Lemmon in Arizona (USA). La notte del 16 maggio è passato a soli 200 000 km a poco più della metà della distanza tra la Terra e la Luna.

Conosciuto con la designazione 2010 WC9, l'asteroide ha raggiunto una luminosità di circa 11,0 magnitudini, quindi visibile anche con piccoli telescopi.

Sfrecciando ad una velocità di 12,8 km/s la sua apparizione nei nostri cieli e durata solo pochi giorni.

Oggetti di quelle dimensioni che passano vicino alla Terra non sono frequenti. A titolo esemplificativo l'asteroide che esplose a 36 km sui cieli di Celjabinsk il 15 febbario 2013 aveva dimensioni di circa 20 metri.

2010 WC9 Mantero1

Orbita dell'asteroide 2010 WC9; in basso a destra dettaglio

Per determinare l'orbita di un asteroide sono necessarie molte misure di pozione effettuate negli anni, e questo passaggio ravvicinato è stata un'occasione unica in particolar modo per gli astrofili.

Purtroppo a causa delle avverse condizioni atmosferiche sul territorio nazionale non è stato possibile osservarlo.

E' riuscito però nell'impresa Andrea Mantero da suo personale osservatorio di Bernezzo (Cuneo) codice MPC C77 utilizzando il telescopio in configurazione Newton da 0.25-m f/4.0. L'astrofilo, uno dei più attivi in questo campo, approfittando di una momentanea riapertura del cielo ha osservato 2010 WC9 per circa 15 minuti, riuscendo ad effettuare misure astrometriche che sono state inviate al Minor Planet Center ( centro unico mondiale che si occupa della raccolta dei dati inerenti agli asteroidi e alle comete) contribuendo così a migliorare la conoscenza della sua orbita.

2010 WC9 Mantero2

Immagine dell'asteroide 2010 WC9 ripresa da Andrea Mantero C77 Bernezzo Observatory

Con i pochi dati a disposizione è stata estrapolata la curva di luce dell'asteroide, che confrontata con altre, ha permesso di stabilire indicativamente il periodo di rotazione in circa 11,90 minuti.

 

2010 WC9 Mantero3

Curva di luce dell'asteroide 2010 WC9 ottenuta da Andrea Mantero

Grande soddisfazione per Andrea che, anche in questa occasione, ha contribuito a dimostrare quanto sia attiva e proficua l'attività svolta dagli astrofili italiani in questo settore.

Andrea Mantero

Paolo Bacci

Letto 345 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
TOP