Lunedì, 13 Marzo 2017 21:07

Sezione di Ricerca Asteroidi – resoconto Gen-Feb 2017

Scritto da  Paolo Bacci, Gianni Galli - Sezione Asteroidi UAI
Vota questo articolo
(1 Vota)

Resoconto gen-feb 2017


L'attività svolta dagli osservatori amatoriali italiani nei primi due mesi del 2017 ha permesso di ottenere interessanti risultati nella ricerca e studio degli asteroidi.

Una delle principali novità della SdR Asteroidi dell' UAI – Unione Astrofili Italiani – è stata l'attivazione della mail list “Asteroid_UAI” (asteroiduai-subscribe@yahoogroups.com ), nella quale vengono condivise le conoscenze degli astrofili in questo settore. In particolare è stato attivato un servizio che giornalmente segnala agli iscritti la presenza nella pagina NEOCP del Minor Planet Center di asteroidi particolarmente luminosi.  

Piero Baruffetti del GAM - Gruppo Astrofili Massesi -  segnala l'occultazione asteroidale del Pianeta Nano (136108) Haumea, per il giorno 21 gennaio con inizio alle ore 02:56 UT. 

Dalle effemeridi la durata dell'evento era prevista in 112 sec. con un drop di 0.8 mag., per cui sono state effettuate pose brevi tra 10 e 15 secondi per ciascuna immagine al fine di poter rilevare il calo di luminosità.

La campagna osservativa proposta dall'astronomo Jose Luis Ortiz (Instituto di Astrofisica de Andalucia, Granada) – scopritore di Haumea – viene raccolta da diversi osservatori italiani, tra cui San Marcello (104) Paolo Bacci, Martina Maestripieri, Leonardo Mazzei Luca Nerli; Astronomical Observatory of the Aosta Valley Autonomous Region (OAVdA) (B04), Albino Carbognani; Astronomical Center Mauro Bachini, Gicomo Succi, Fabio Martinelli; Castelvecchio Pascoli (K63) Roberto Bacci.

I dati raccolti dagli osservatori, sono stati inviati all' Astronomo Albino Carbognani che dopo averli esaminati li ha successivamente inviati ad Ortiz il quale ha confermato che almeno in un caso è stato registrato l'evento.  

Il 29 gennaio il team guidato da M. Bachini, composto da G. Succi e E. Del Canto, dall'osservatorio di Santa Maria a Monte (A29), utilizzando il telescopio da 0.40-m f/5, hanno rilevato l'occultazione asteroidale di (51) Nemausa con esito positivo.

 res gen-feb 2017

Fig. 1 – Occultazione dell' Asteroide (51) Nemausa ripreso dall'osservatorio A29 Santa Maria a Monte (PI).

Nella stessa notte dall'osservatorio di San Marcello è stato determinato il periodo di rotazione dell'asteroide 2017 BJ30 in 0.0871 (circa 5 minuti), con un'ampiezza di 0,89 magnitudine, quando ancora era nella pagina NEOCP del MPC.

La curva di luce è stata rielaborata da A. Carbognani.

 res gen-feb 2017-1

Fig. 2 -  Curva di luce dell'asteroide 2017 BJ30 ottenuta dall'osservatorio (104) San Marcello.


In data 26/02/2017 alle ore 23:20, in quasi tutta l'Italia era visibile l'occultazione  asteroidale con protagonista l'asteroide (387) Aquitania ed una stella di magnitudine 12,3 in Bootes.3.

L'evento ancora una volta è stato ripreso dall'Osservatorio di Santa Maria a Monte (A29) utilizzando il telescopio Newton 400 F/5 + CCD ELectra DTA 4710 , questa volta usato in binning 2, il team composto da M. Bachini, G. Succi, E. Del Canto, hanno registrato un calo di luminosità sulla stella target per circa 10 secondi ( i dati sono ancora in elaborazione).

Non appena le condizioni meteo in Italia sono favorevoli gli osservatori amatoriali italiani diventano protagonisti nello studio degli asteroidi ed in particolar modo nel follow-up dei NEOCP. 

Gianni Galli co-responsabile della SdR Asteroidi dall'osservatorio GiaGa Observatory (203) utilizzando il telescopio da  0.28-m f/6.8 Schmidt-Cassegrain  è presente in 11 circolari MPCP osservando gli asteroidi 2017 DB, 2017 DF, 2017 DB , 2017 DE, 2017 CF32, 2017 BZ5, 2017 BW, 2017 BT, 2017 AG5, 2017 AT4,  2017 AS4.

Enrico Prosperi, che detiene il maggior numero di osservazioni di asteroidi in Italia effettuate dal proprio osservatorio di Castelmartini (160)  0.35-m f/10 Schmidt-Cassegrain, è presente in 18 MPEC del MPC.

Dall'osservatorio G. Pascoli Observatory (K63) 0.30-m f/4 Newtonian Roberto Bacci ha ottenuto 13 MPEC.

Andrea Mantero utilizzando il proprio telescopio  0.25-m f/4 reflector da  Bernezzo Observatory (C77) risulta presente in 10 MPEC.

Roberto Bonomi con il telescopio  0.4-m f/5.5 reflector di Cavezzo (107) è riuscito a osservare due nuovi NEA. 

Grande soddisfazione per l'osservatorio Santa Maria a Monte (A29) che utilizzando il telescopio 0.40-m f/5 reflector, M. Bachini, G. Succi per la prima volta sono presenti in 4 MEPC.

Dal M57 Observatory, Saltrio (K38) Giorgio Baj utilizzando il telescopio  0.30-m f/8 Ritchey-Chretien, ha ottenuto 10 circolari MPEC.

Vito Tinella da Cesena (K65) con il telescopio 0.40-m f/7 Schmidt-Cassegrain è presente in tre MPEC

L'osservatorio San Defendente (K33)  di Ercole Viano  0.28-m f/10 Schmidt-Cassegrain ha ottenuto due MPC

I più grandi telescopi amatoriali italiani hanno ottenuti i seguenti risultati:

104 San Marcello Pistoiese. P. Bacci, M. Maestripieri, L. Tesi, G. Fagioli.  0.60-m f/4  34 MPEC

204 Schiaparelli Observatory.  L. Buzzi.  0.60-m f/4.64  32 MPEC

587 Sormano.  Observers A. Fumagalli, F. Manca, P. Sicoli, A. Testa.  0.5-m f/6.8 19 MPEC

595 Farra d'Isonzo.  Observers G. Ierman, E. Pettarin, F. Piani.   0.61-m f/4.0  31 MPEC

K51 Osservatorio del Celado, Castello Tesino.  G. Favero, R. Furgoni. 0.80-m f/4  23 MEPC.

Walter Borghini ha effettuato una sessione astrometrica nella quale ha misurato alcuni asteroidi presenti nella pagina FUAP della Sezione Asteroidi dell'UAI ( http://asteroidi.uai.it/)

Di seguito i risultati ottenuti dagli osservatori amatoriali:

tabella re gen-feb 2017

 Fig. 3 - a) Year, b) Code, c) Obs,  d) Num Mps,  e) Unnum Mps,   f) Comets,   g)Num Mps,  
h) Unnum Mps,   i) Comet, l) Naz.;  m) Observatory

 Davvero un inizio dell'anno promettente per gli astrofili italiani.

 

Paolo Bacci e Gianni Galli SdR Asteroidi UAI

Letto 943 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
TOP