Mercoledì, 04 Gennaio 2017 12:47

9 gennaio 2017 - Il Presidente UAI Mario di Sora nel programma di RAI 3 PRESA DIRETTA per parlare dell'inquinamento luminoso di Roma

Scritto da  UAI - Unione Astrofili Italiani
Vota questo articolo
(0 Voti)

iacona

 

Nella puntata di lunedi 9 gennaio di PRESA DIRETTA, presentato da Riccardo Iacona su RAI 3 alle 21.15, si parlerà anche di inquinamento luminoso, eccesso di luce e risparmio energetico.

Nel corso della trasmissione, che inizialmente tratterà del fiume di miliardi spesi a Roma negli ultimi anni per opere pubbliche inutili o incompiute, verrà presentato un report sullo stato attuale dell’illuminazione esterna delle città italiane, tra le più rischiarate dell’UE, tanto che consumiamo circa il doppio della media europea (104 Kwh/anno procapite contro 51 Kwh) per il solo comparto pubblico, in pratica circa 1,3 miliardi di €.

Il servizio, realizzato dalla giornalista Lisa Iotti, non si limiterà però solo alla problematica dell’inquinamento luminoso come forma di sperpero e disturbo alle osservazioni del cielo per astronomi e astrofili ma anche alle ripercussioni sulla salute umana e sulla sicurezza stradale.



lisa-iotti-776339

La giornalista Lisa Iotti

Molti impianti di illuminazione infatti sono pericolosamente abbaglianti come tabelloni pubblicitari con luminanze oltre 1000 cd/mq e fari che inviano luce direttamente negli occhi degli automobilisti. Inoltre negli ultimi anni si è anche scoperto che la sovraesposizione alla luce artificiale può, nei casi più gravi, portare all’insorgenza di forme tumorali.

E’ prevista la partecipazione dei rappresentanti di varie Associazioni di tutela del cielo notturno e studiosi di questo fenomeno. Per l’Unione Astrofili Italiani il Presidente Mario Di Sora illustrerà la situazione di alcuni impianti romani, misurati con gli strumenti dell’Osservatorio di Campo Catino che, da oltre 20 anni, si è distinto, in campo nazionale, per gli oltre 2.500 controlli effettuati nel Lazio per il rispetto della L.R 23/2000.

A tal riguardo il solo comune di Roma, che ha sistematicamente omesso, dal 2000 ad oggi, di utilizzare i dispositivi di risparmio energetico ha dilapidato oltre 120 milioni di € che potevano essere risparmiati a vantaggio dei contribuenti romani.

Un’occasione, quella offerta lunedi 9 gennaio alle ore 21.15 da PRESA DIRETTA, per avere un quadro ad ampio raggio di un problema spesso sottovalutato e che invece merita di essere preso in seria considerazione per le sue molteplici implicazioni economiche, culturali, scientifiche, sanitarie e di sicurezza stradale.

201414105845 pontemusica3

Letto 832 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
TOP