Altri grandissimi successi per il CSH Project !
Innanzitutto altre due scoperte.
La prima e' una stella variabile binaria ad eclisse del tipo EW nella
costellazione della Lucertola denominata CSHP_24 con magnitudine +16.40/16.60 CV e periodo di circa 6 ore. (Fig. 1 e 2)

 

var CSHP-1

Fig. 1

 

var CSHP 24

Fig. 2

Maggiori dettagli al link VSX

https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=684285


La seconda, inserita in VSX col nome CSHP_V25 e' invece una velocissima variabile "intrinseca" del tipo Delta Scuti HADs nella costellazione del Drago catalogata nel prestigioso catalogo GSC col n. 03946-01048 di magnitudine +13.58/13.65CV. e periodo di poco piu di un’ora (Fig. 3 e Fig. 4)

Per i dettagli consultare il link VSX

https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=684307


var CSHP V25-1

Fig. 3

 

var CSHP V25-2

Fig.4


Infine, il CSH Project ha revisionato e confermato la scoperta della stella variabile WISE J041707.7+421424 nella costellazione di Perseo già censita dal programma di ricerca "Wise" (Wide-field Infrared Survey Explorer). E’ stato da noi assegnato e accettato dal VSX il nome di CSHP_V23. Il gruppo ha determinato la magnitudine e fatto il plot (fig. 5)

Maggiori info al link VSX-AAVSO

https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=636182

 

var CSHP V23-1

Fig. 5


Anche in questo caso la scoperta e’ frutto del lavoro di squadra del team del Campania Star Hunter's Project composto dagli astrofili Antonio Marino, Andrea Tomacelli ed Antonio Porcelli della sezione Esopianeti e Stelle Variabili dell’Unione Astrofili Napoletani (Telescopio Colacevich presso l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte INAF di Napoli), Pasquale Ago, Tommaso Aniello e Lattanino Cupolino dell’Associazione Astrofili Aurunca, con i telescopi dell’Osservatorio Astronomico Aurunco “M.Hack” di Sessa Aurunca e dell’Osservatorio M57 (di proprietà di Lattanino Cupolino, sempre in Ponte di Sessa Aurunca), Nello Ruocco dell’Associazione Astrocampania nonché titolare dell’Osservatorio Astronomico Nastro Verde di Sorrento e Dario Castellano del Gruppo Astrofili Beneventani. Con questa scoperta il team campano giunge a quota 24, ma tanto deve ancora avvenire !

22 Febbraio 2019

campaniastarhunters@gmail.com

Pubblicato in ASTRO NEWS

 

FB IMG 1538215444292

Scoperta una nuova variabile nella costellazione dell'Acquario.  Grazie all'analisi delle immagini ottenute all'Osservatorio Astronomico k68 Elianto, sito in privincia di Salerno e precisamente a Pontecagnano, diretto da Alfonso Noschese è stato possibile scoprire la variabilità di questa stella che ora appartiene alle RRLyrae. La variazione di luminosità è  tra 16.30 e 16.75 in V e ha una periodicità di circa 8 ore.
È  stata inserita in VSX al link

https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=624685

Nello  Ruocco sarà premiato insieme ad altri astrofili della UAI SSV con la targa al merito per aver scoperto più di 100 variabili, al prossimo meeting GAD/UAI che si svolge nei giorni 12 - 13 - 14 ottobre 2018  presso l'Osservatorio Astronomico della Montagna Pistoiese

 
Pubblicato in UAI NEWS

VISIBILE IN STREAMING SUL SITO DEL GAMP

E SU YOUTUBE AL LINK

 

Gad 2018

 

l'Istituto Spezzino Ricerche Astronomiche (IRAS - La Spezia) - il Gruppo Astrofili della Montagna Pistoiese (GAMP)

e l'Unione Astrofili Italiani (U.A.I.)

organizzano in data 12-13-14 ottobre 2018

all' Osservatorio Astronomico della Montagna Pistoiese

  

San Marcello Piteglio – Loc. Gavinana (PT)

Lat.44 03 47 Nord -  Long. 10 48 15 Est

Altitudine 1000 m s.l.m.

GAD cupole 2018

 

PROGRAMMA

VENERDI' 12 OTTOBRE 2018

Arrivo dei partecipanti, preparazione sala (18:30), iscrizione e prenotazione cena sociale

sera: cena di gruppo 
 

SABATO 13 OTTOBRE 2018


9,00  -  Apertura  della segreteria del convegno e iscrizione dei partecipanti e prenotazione cena sociale

9,30 -  Apertura del XXV Convegno GAD e saluto delle autorità ai partecipanti e presentazione del programma 

segue: - Relazioni di Fotometria e Astronomia Digitale e

Meeting Nazionale Pianeti Extrasolari - Stelle Variabili - Asteroidi (Sezioni di Ricerca UAI)

13,00  buffet - pausa pranzo

14,45 - 19,00 - prosegue Meeting Nazionale Pianeti Extrasolari - Stelle Variabili - Asteroidi (Sezioni di Ricerca UAI)

   

DOMENICA 14 OTTOBRE 2018

9,00 - 13,00 - prosegue Convegno GAD e Meeting

13,00  pranzo

 

Fra i partecipanti ci saranno:

  • Luciano Tesi (presidente GAMP)

  • Lorenzo Franco (UAI - GAD)

  • Nello Ruocco (SSV-UAI)

  • Massimiliano Mannucci e Nico Montigiani (AAF)

  • Fabio Salvaggio (SSV-UAI)

  • Marco Bagaglia (AAU-GAD)

  • Paolo Bacci (GAMP - Sez. Asteroidi UAI)

  • Mauro Bachini (OAT - AAIM)

  • Alessandro Marchini (Università di Siena - SPE-SSV UAI)

  • Claudio Lopresti (IRAS-GAD-spe-ssv UAI)   

  • Riccardo Papini (SPE-SSV UAI)

  • Ulisse Quadri (Osservatorio di Bassano Bresciano - SSV-UAI)

  • Luca Strabla (Osservatorio di Bassano Bresciano)

  • Giorgio Bianciardi (vicepresidente UAI)   

  • Ing. Stelio Montebugnoli (Radioastronomo)

  • Mauro Graziani (ARAR-GAD)   

  • Cristina Cellini (Osservatorio Mazzotti)

  • Mauro Facchini (AAGM -  Sez. Comete UAI)

  • Giacomo Succi (GAIN)

  • Prof. Costantino Sigismondi (ICRA-Univ. Sapienza)

____________________________________________________

 

maggiori informazioni sul sito web GAD: 

http://www.astronomiadigitale.com       

informazioni e contatti per il XXV Convegno Nazionale GAD:

programma generalehttp://www.astronomiadigitale.com/gad26/conv26.html 

relazioni: http://www.astronomiadigitale.com/gad26/relazioni_2018.html   

Pubblicato in UAI NEWS
Martedì, 20 Marzo 2018 21:51

UAI SSV: nuova stella variabile nei Gemelli

Nello Ruocco, Sezione stelle variabili UAI, comunica un'altra scoperta di una nuova stella variabile fatta nell'ambito di una campagna di  ricerca di Astrocampania, Osservatorio di Agerola (NA).

Le riprese risalgono al Gennaio 2018 e per la presenza e quindi la sovrapposizione dei dat della survey ASAS-SN si e’ reso necessario mggiore tempo per la elaborazione della curva di luce.

Si tratta di una binaria ad eclisse a contatto tipo WUMaioris di 16a magnitudine in V ed escursione di circa mezza magnitudine nella cotellazione dei Gemelli.

 Grafico-AC V4-UCAC4-553-036297-con-legenda-per-VSX-copia

v1-in-campo-A6448-OASDG campo-da-Aladin

RAJ2000.0 07 05 01.31

DEJ2000.0 +20 27 26.7

Epoch 06 Jan 2018 (HJD 2458125.3333)

Dal grafico si evince la maggior precisione delle nostre misure rispetto a quelle ottenute dalla survey anche se queste ultime coprono un lasso di tempo maggiore.

Lo staff tecnico dell’Osservatorio è coordinato da Alfonso Noschese, l’analisi dei dati di Nello Ruocco e la programmazione tecnica e controllo della strumentazione è curata e seguita da Antonio Catapano.

La stella ha un periodo di circa 9 ore e maggiori dettagli possono essere consultati alla pagina del VSX AAVSO in cui la stella e’ stata inserita col nome di AC_V4

https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=611954

Questa l’Email di conferma:

Dear Osservatorio Astronomico Salvatore Di Giacomo AstroCampania,

Congratulations! Your submission to VSX of the new variable star ‘AC_V4’ has been reviewed by a moderator and APPROVED. The data from this submission is now available from the public database. In addition, an AAVSO Unique Identifier (AUID) of 000-BMP-763 has been assigned to the star, and may be used when submitting observations. Your assistance in making VSX a better tool is much appreciated.

Clear skies,
VSX Administration

Pubblicato in UAI NEWS

La variabile V406 Camelopardalis (GSC 04098-01572) è stata classificata come una binaria ad eclisse di tipo EW (IBVS 5969 del 2011) con una magnitudine vicina alla 13a e con un periodo di 0.29048d (quasi 7 ore). Su questa variabile ci sono pochissime curve di luce disponibili in letteratura e per questo motivo è stata osservata da Claudio Arena (SSV-UAI) la notte del 7 dicembre 2017 per quasi 12 ore ininterrotte, sfruttando così la lunga durata delle notti invernali. La figura 1 mostra la curva di luce ottenuta che copre abbondantemente tutto il ciclo di variazione e con un'ampiezza di 0.28 magnitudini. La sessione osservativa ha registrato chiaramente i minimi (principale e secondario), osservati entrambi per due volte nel corso della stessa nottata. Da notare anche l'asimmetria dei massimi, questa caratteristica prende il nome di effetto O'Connell.

curva di luce V406Cam

Fig. 1: La curva di luce della variabile V406 Cam osservata da Claudio Arena la notte del 7 dicembre 2017.

 

Una così ben definita curva di luce si prestava molto bene alla modellazione di questo sistema binario. Il modello è stato realizzato da Lorenzo Franco (SSV-UAI) con Binary Maker 3. La temperatura approssimata del sistema è stata stimata attraverso l'indice di colore derivato dal catalogo APASS e corrispondente ad un tipo spettrale G8 V - K0 V.

Il modello ottenuto (Fig. 2) mostra un sistema binario a contatto di tipo W-UMa, con i seguenti parametri fisici: M1=1.03, M2=0.48 masse solari; R1=0.96, R2=0.68 raggi solari e con un semiasse maggiore a=2.11 raggi solari. La temperature delle due stelle è molto simile (5000 e 5390 gradi Kelvin) ed il sistema è inclinato di 55.8 gradi rispetto alla linea di vista. L'effetto O'Connell è stato modellato attraverso uno spot più caldo collocato lungo la linea equatoriale della stella di massa maggiore (di colore leggermente rosso sul modello 3D). I valori assoluti di massa e raggio sono stati ottenuti attraverso le relazioni empiriche di Gazeas & Stepien (2008) che legano queste grandezze al periodo di variabilità. L'animazione 3D del modello può essere vista a questo indirizzo:

http://digidownload.libero.it/A81_Observatory/movie/V406Cam.gif

 

V406Cam var

 

Fig. 2: Modello 3D della variabile V406 Cam. A sinistra la curva di luce osservata (punti rossi) ed il modello (punti blu).

 

Strumentazione utilizzata: Telescopio Newton 200mm f/5 Skywatcher, su montatura EQ6. Camera Atik 314L+, autoguida con QHY5-II su cercatore. Osservatorio a Catania controllato remotamente. Pose non filtrate da 90 secondi e con una leggera sfocatura.

Lorenzo Franco

Pubblicato in UAI NEWS

oabb

Cinque nuove stelle variabili di tipo W Ursae Majoris sono state scoperte presso l’Osservatorio Astronomico di Bassano Bresciano nei mesi di Luglio e Agosto 2017.

Le stelle sono state osservate dal gruppo dell’osservatorio composto da Ulisse Quadri, Luca Strabla e Roberto Girelli.

La strumentazione utilizzata è composta dal telescopio Newton 250mm Foc 1200 e camera CCD Starlight Trius. La metodologia di ricerca consiste nel riprendere un campo stellare per tutta la durata della notte con pose della durata di circa un minuto.

Sono riportate nel seguito le curve di luce delle quattro stelle denominate rispettivamente VESPA_V103, 104, 105, 106, 107. Il nome delle stelle è quello della nostra survey: VESPA che è un acrostico per: "Variable star Search Project for Automated telescope".

Ulteriori informazioni sul sito del VSX dell’ AAVSO dove le stelle sono state registrate:

https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=512848

https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=512932

https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=512941

https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=512943

https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=512953

Pubblicato in ASTRO NEWS

La scoperta è frutto di una collaborazione tra Antonio Marino ed Andrea Tomacelli, della sezione Esopianeti e Stelle Variabili dell'UAN (Unione Astrofili Napoletani), Pasquale Ago (Associazione astrofili Aurunca) e da Nello Ruocco (Astrocampania – SSVUAI Osservatorio Astronomico Nastro Verde, Sorrento).

E' la prima volta che un astro viene scoperto grazie al coordinamento di più astrofili della Regione Campania con osservazioni contemporanee in più punti.  La scoperta ha rilevato la natura variabile della binaria a eclisse di tipo EW, che si trova nella costellazione del Drago ed ha una oscillazione di Magnitudine tra 14.76 - 15.26 V.

La stella è stata denominata GSC 04244-00959 ed è stata inserita nel database AAVSO.
Ecco il link https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=475867



icara
Il campo con al centro la nuova variabile



var campania

Il grafico di fase



corpi minori

Il campo ripreso dal telescopio in cui la freccia indica la stella

 

quartet var

Il team campano di scopritori

Da sinistra : Nello Ruocco, Andrea Tomacelli, Antonio Marino, Pasquale Ago

 

 

Pubblicato in UAI NEWS

Ancora tre nuove variabili scoperte all’ Osservatorio Astronomico “Nastro Verde” codice MPC C82 sito in Priora, zona collinare di Sorrento (Na).

Le scoperte sono state effettuate da Nello Ruocco, membro della Sezione Stelle Variabili UAI e coresponsabile della sez Stabia-Penisola Sorrentina di AstroCampania, utilizzando un telescopio SC LX200 25 cm f/10 e CCD Sbig ST8 senza uso di filtri.

Sono di seguito riportate le nuove variabili

La prima stella, appartenente alla costellazione della Lucertola, è stata censita sul sito VSX dell’AAVSO e classificata come variabile ad eclisse tipo EA con la sigla 2MASS J22253540+5118014. Di magnitudine 16.9 (V) e escursione di 0.5 m. Periodo = 0.86d

Maggiori dettagli al sito AAVSO:

https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=474008

var1

Il campo con al centro la nuova variabile

 

var2

Il grafico di fase

La seconda stella, sempre appartenente alla costellazione della Lucertola, è stata censita sul sito VSX dell’AAVSO e classificata come variabile tipo EA con la sigla UCAC4 707-100327. Di magnitudine 15.6 (V) e escursione di 0.85 m. Periodo = 0.66609.

Maggiori dettagli al sito AAVSO:

https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=474007

var3

Il campo con al centro la nuova variabile

var4

Il grafico di fase

La terza stella, sempre appartenente alla costellazione della Lucertola, è stata censita sul sito VSX dell’AAVSO e classificata come variabile tipo EB con la sigla UCAC4 707-100455. Di magnitudine 16.4 (V) e escursione di 0.3 m. Periodo = 0.47295.

Maggiori dettagli al sito AAVSO:

https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=474003

var5

Il campo con al centro la nuova variabile

 

var6

Il grafico di fase

Nello Ruocco

nello_ruocco@hotmail.com

nello_ruocco@astrocampania.it

Sorrento, 21 Settembre 2016

Pubblicato in UAI NEWS

gad24
L' Istituto Spezzino Ricerche Astronomiche (IRAS - La Spezia)  - Astrocampania (Napoli) e l'Unione Astrofili Italiani (U.A.I.) con il patrocinio della Società Astronomica Italiana (S.A.I.t.)

organizzano ad Agerola (NA) - splendida località turistica nella zona di Amalfi e Positano

in data 7-8-9 ottobre 2016


all' Osservatorio Astronomico di Agerola Salvatore Di Giacomo - via Salvatore Di Giacomo 7/B il XXIV Convegno Nazionale del GAD (Gruppo Astronomia Digitale)


info: Claudio Lopresti

Quest’anno occorre anticipare l’iscrizione (entro fine maggio),
per poter usufruire della vantaggiosa convenzione ottenuta da Astrocampania:


Albergo convenzionato:
Grand Hotel Sant’Orsola (4 stelle)
85 Euro: pensione completa per 2 persone (pernottamenti di due persone in stanza doppia a notte
(la quota comprende tutto: pernottamenti, pranzi e cene, cena sociale da venerdì sera a domenica pomeriggio)
Attività accompagnatori: E' in corso di organizzazione per gli accompagnatori un tour nella costiera amalfitana ad Amalfi
per maggiori dettagli: http://www.astronomiadigitale.com/gad24/come_arrivare_2016.html


e



Informazioni su percorsi e logistica

Riferimenti organizzativi per la logistica, pernottamenti e cena sociale:

Massimo Corbisiero tel. 347 6153723 e-mail: ms.cor@mclink.it

ASTROCAMPANIA :
e-mail loc-gad2016@astrocampania.it

tel. 081 19729232

__________________________________________________________________________________


PROGRAMMA

Località: Osservatorio di Agerola


venerdi' 7 ottobre 2016:

Arrivo dei partecipanti, preparazione sala (18:30), iscrizione e prenotazione cena sociale

sera: cena di gruppo



sabato 8 ottobre 2016: 

9,00 - Apertura della segreteria del convegno e iscrizione dei partecipanti e prenotazione cena sociale

10,00 - Saluto degli organizzatori del convegno e presentazione del programma

segue: - Relazioni di Fotometria e Astronomia Digitale

13,00 pausa pranzo

14,30 - 16,30 - Relazioni di Fotometria e Astronomia Digitale

16,45 - Meeting Nazionale Pianeti Extrasolari e Meeting Nazionale Stelle Variabili (Sezioni di Ricerca UAI)

Sabato sera, ore 20,30: Cena sociale del GAD


domenica 9 ottobre 2016:

9,00 - 13,10 - segue Meeting Nazionale Pianeti Extrasolari e Meeting Nazionale Stelle Variabili (Sezioni di Ricerca UAI) e relazioni libere

13,15 pranzo

_______________________________________________________________________

 

osservatorio-agerola

 

tele

Pubblicato in UAI NEWS
Alessandro Marchini, Fabio Salvaggio e Riccardo Papini, della Sezione Stelle Variabili UAI, utilizzando il telescopio dell'Osservatorio Astronomico dell'Università di Siena hanno scoperto e caratterizzato una nuova stella variabile, la GSC 00777-00233 (J2000 AR 07 33 57.85, Dec. +14 34 46.2), nella costellazione dei Gemelli.
 
La notte del 17 dicembre 2015, mentre osservavano un altro oggetto, hanno casualmente ripreso per intero il periodo di variazione di questa stella. 
Le elaborazioni dei dati per l'analisi del periodo sono state eseguite con Peranso, utilizzando anche i dati della survey Catalina (CRTS) al fine di ottenere un risultato quanto più possibile consistente anche coi dati disponibili.
 
L'effemeride ottenuta è la seguente: 
 
Epoca HJD=  2457373.68340 (17 dicembre 2015) 
Periodo= 0.322852 giorni.
 
Le magnitudini del sistema vanno dalla 13.44 al massimo, alla 13.60 del minimo (CV).
L'andamento del grafico di fase è chiaramente tipico di una variabile pulsante di tipo RRc.
 
Una volta completata e verificata la caratterizzazione, la nuova variabile è stata proposta al database AAVSO VSX, ed è stata ufficialmente censita il 18 dicembre con l'AAVSO UID 000-BLV-068.
 
Di seguito il link alla pagina del VSX AAVSO: https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=417930
 
 

La curva di luce

GSC00777-00233phaseplot

GSC00777-00233phaseplot.gif

 

 

Pubblicato in UAI NEWS
Pagina 1 di 2
TOP