image003
 

I prossimi 12-13 Novembre, presso l'Osservatorio del “Gruppo Astrofili Montagna Pistoiese” (www.gamp-pt.net) a San Marcello Pistoiese si terrà il Meeting Corpi Minori dell’Unione Astrofili Italiani, organizzato dalle Sezioni di Ricerca Comete, Meteore ed Asteroidi, un appuntamento ormai giunto alla quarta edizione. 

Il meeting rappresenta un importante momento di incontro e confronto tra gli appassionati dei Corpi Minori del Sistema Solare e di presentazione delle attività e delle ricerche in corso. La partecipazione è libera ed aperta a tutti gli astrofili che desiderino avvicinarsi a questo campo di ricerca o che già vi operano attivamente. Indicativamente il meeting si aprirà nel primo pomeriggio di sabato 12 per poi concludersi la domenica mezzogiorno.

Il programma dettagliato del meeting sarà comunicato al più presto.

Per ulteriori informazioni scrivere una mail agli indirizzi: comete@uai.it , meteore@uai.it e asteroidi@uai.it

Sito web dell’osservatorio del GAMP: www.gamp-pt.net

Pubblicato in UAI NEWS

 osservatorio gamp


Nell'ambito delle attività di divulgazione delle scienze astronomiche, il GAMP (Gruppo Astrofili della Montagna Pistoiese) che gestisce l'Osservatorio Astronomico, struttura del Comune di San Marcello Pistoiese, durante tutto l'arco del periodo estivo ha collaborato con alcune scuole di Pistoia al progetto di alternanza scuola-lavoro attraverso uno stage, effettuato da alcuni studenti, della durata di 60 ore: due ragazze dell'Istituto Tecnico Commerciale Sperimentale Statale 'Filippo Pacini' del comune di Pistoia e due ragazzi ed una ragazza dell'Istituto Omnicomprensivo di San Marcello Pistoiese.

ragazzi osservatorio

Alcuni momenti delle attività dei ragazzi in 'osservatorio

La collaborazione ha avuto luogo grazie ai contatti tenuti dal Presidente del GAMP Luciano Tesi e gli istituti scolastici, che ha permesso per la prima volta di avere studenti delle scuole secondarie di secondo grado presso l'Osservatorio, per effettuare un tirocinio formativo.

Gli studenti Giulia Pagliai, Giulio Carotta, Andrea Pierazzi, Martina Fragai, Linda Tesi, si sono avviati con entusiasmo alle attività da svolgere durante le 60 ore ed hanno così effettuato un percorso nel quale sono stati protagonisti nelle varie attività che si tengono presso la struttura: dall'organizzazione di una serata pubblica in tutti i suoi aspetti, come la predisposizione della sala conferenze e la preparazione dei telescopi per l'osservazione, all'organizzazione di serate a tema, per finire con la partecipazione ad un corso di astronomia sugli asteroidi. Nel corso della loro esperienza, il Vice-Presidente Samuele Marconi ha gestito i ragazzi sia dal punto di vista prettamente burocratico che dal punto di vista formativo, preparando il test finale. Gli studenti seguiti da Paolo Gigli hanno imparato cosa significa divulgare l'astronomia ad un pubblico non eterogeneo con l'utilizzo di strumenti multimediali. Giancarlo Fagioli ha messo a disposizione la sua esperienza osservativa e conoscenza degli strumenti in possesso all'Osservatorio, insegnando ai ragazzi il loro utilizzo. Proseguendo il percorso formativo con Geronimo Bartolomei, hanno imparato a riconoscere le principali costellazioni e la loro mitologia. Hanno inoltre potuto effettuare attività di ricerca nel campo dei sistemi minori, guidati da Paolo Bacci e Martina Maestripieri. Leonardo Mazzei e Luca Nerli, infine, hanno dato le indicazioni ai discenti su come effettuare fotografie con le normali macchine fotografiche.

 

studenti osservatorio

I ragazzi a lavoro in osservatorio

Si è trattato sicuramente di un bell'esempio di collaborazione tra scuola e territorio che troppo spesso viene trascurato, valorizzando così anche l'Osservatorio astronomico che si è arricchito della presenza di questi ragazzi giovani che, con il loro entusiasmo e la loro voglia di fare, hanno sempre partecipato in modo positivo ed efficiente alle attività, offrendo un valido aiuto soprattutto nelle serate aperte al pubblico.

gampQuesto ha permesso agli studenti di acquisire sia nuove competenze in previsione di un futuro lavorativo, sviluppando capacità di coordinamento e gestione dei rapporti con il pubblico, sia nuove conoscenze nel campo delle scienze astronomiche, nella speranza di far crescere in loro l'entusiasmo e la passione per l'astronomia e far sì che continuino a

partecipare anche in futuro, in modo concreto, alle attività dell'Osservatorio.

Paolo Bacci e Martina Maestripieri

www.gamp-pt.net

 

 

 

Pubblicato in ASTRO NEWS
Domenica, 07 Febbraio 2016 21:06

Cometa P/2010 V1 (Ikeya-Murakami)

 

La cometa P/2010 V1 (Ikeya-Murakami) da spettacolo a 42 giorni dal suo passaggio al perielio ( il 17 Marzo 2016) mostrando i sui 4, anzi 5, frammenti recentemente individuati.

La cometa scoperta visualmente nel nel novembre del 2010 indipendentemente da due astrofili giapponesi: Mr. Kaoru Ikeya and Dr. Shigeki Murakami, aveva una luminosità di 8-9 magnitudini.

Al fine di comprendere la inusuale luminosità è stata oggetto di studio da parte di un team di professionisti guidato da Masateru Ishiguro, David Jewitt et all (Outbursting Comet P/2010 V1 (Ikeya–Murakami): A Miniature Comet Holmes).

Il 31 dicembre 2015 viene riportata la scoperta di una nuova cometa P/2015 Y2, la cui orbita successivamente viene ricondotta ed associata alla cometa P/2012 V1.

Con CBET 4230 annuncia che con osservazioni effettuate con il telescopio 3.6-m Canada-France-Hawaii, hanno permesso di individuare un frammento della cometa, annunciato dagli astronomi Micheli e Wainscoat.

Successivamente, il 10 gennaio 2016 nella CBET 4235, si riportano ulteriori l'osservazione del frammento B della cometa..

Il 2 febbraio 2016 esce la CBET 4250, nella quale si annunciano nuovi frammenti delle cometa: a,b,c,d.

P 2010 V1Ikeya-Murakami

 

Finalmente le condizioni meteorologiche permettono di osservare la cometa P/2010 V1 dall'Osservatorio di San Marcello Pistoiese (code MPC 104), la notte del 4 febbraio 2016, vengono ottenute le prime immagini dei frammenti della cometa A,B,C,D.

La notte del 5 febbraio l'osservatorio (code mpc 586) Pic du Midi utilizzando un telescopio da 1.0-m F/11 ottengono un immagine nella quale si vede in modo “evidente” il nuovo frammento F con una luminosità di 22.8 mag. !!

P 2010 V1Ikeya-Murakami

Sara indubbiamente interessante seguire questa cometa per monitorare l'evolversi.

Di seguito animazione della cometa P/2010 V1 ed i suoi frammenti ottenuta dall'osservatorio di San Marcello Pistoiese

P2010V1 20160204 b

Paolo Bacci www.gamp-pt.net

Pubblicato in UAI NEWS

gamp logoSi è concluso l'anno 2015; è tempo di bilanci per l'osservatorio astronomico di San Marcello Pistoiese (code MPC 104).
L'attività prevalente nel campo della c.d. "ricerca" è improntata alla studio dei corpi minori del sistema solare : asteroidi e comete.

 

gamp panorama

Dal Minor Planet Center si estrapolano i dati relativamente alle osservazioni effettuate dall'osservatorio montano: sono state inviate al MPC 1111 misure di posizioni di cui 588 relative a 211 pianetini Numerati, 488 misure 164 pianetini con designazione provvisoria, e 65 misure relative a 19 comete.

Nella classifica mondiale ci troviamo alla 164° posizione, mentre al livello nazionale siamo al 5° posto per numero di osservazioni.

Siamo al 43° posto nella tra gli osservatori di tutto il mondo per l'osservazione di asteroidi con designazione provvisoria. Tra gli osservatori italiani siamo al 2° posto dopo l'osservatorio 204 Schiapparelli di Varese.

Per quanto risulta l'osservazione di comete abbiamo raggiunto il 70° posto nella classifica mondiale, e il 5° tra gli osservatori Italiani.

Abbiamo ottenuto ~135 pubblicazioni sulle Minor Planet Electronic Circulars (vedasi elenco )

Complessivamente nel 2015 sono state acquisite 1 079 ore effettive di riprese con una media di 28 secondi per immagine, per un totale di ~ 22 548 immagini.

Il telescopio da 0.60-m F/4 ha osservato il cielo come indicato nella seguente immagine dove i quadrativi Verdi indicano la zona di cielo osservata da San Marcello.

gamp mondo

Zone di cielo osservate da San Marcello

 

Nel 2015 è stata scoperta una nuova stella variabile nella costellazione di Andromeda di tipo EW, con la designazione 2MASS J00211826+4233, individuata alle coordinate RA 0:21:18.1 e Dec +42:33:30.9, ha una luminosità di 16.30 V al massimo, 16.71 al minimo.

Abbiamo attenuto le curve di luce dell'asteroide 7481 San Marcello (i cui dati sono ancora in fase di elaborazione), del NEA PHA binario 1994 AW1, del particolare asteroide NEA 2011 UW158, dell'asteroide MBA 9801, del NEA 2006 KM103, e del famoso NEA 2004 BL86.

Pubblicato sul Minor Planet Bulletin n. 43-1 Jan-Mar 2016 la curva di luce dell'asteroide 2011 UW158, in collaborazione con Albino Carbognani Astronomical Observatory of the Aosta Valley Autonomous Region (OAVdA); Bruce L. Gary Hereford Arizona Observatory Hereford, Arizona, USA; Julian Oey Blue Mountains Observatory Leura, AUSTRALIA; Giorgio Baj Astronomical Station of Monteviasco Varese, ITALY ;

Pubblicato sul Minor Planet Bulletin n. 43-1 Jan-Mar 2016 la curva di luce dell'asteroide 9801, in collaborazione con Alessandro Marchini, Sara Marullo Astronomical Observatory DFFTA – University of Siena (K54); Lorenzo Franco Balzaretto Observatory (A81), Rome, ITALY; Riccardo Papini Carpione Observatory (K49) Spedaletto, Florence, ITALY; Fabio Salvaggio Saronno ITALY

Pubblicata sul Minor Planet Bulletin n.42-1Jan-Maz 2015 grafico inviato a Brian Warner dell'asteroide 333578.

Pubblicato articolo sulla collaborazione tra il GAMP e l'Istituto omnicomprensivo di San Marcello - ASTRONOMIA -UAI Luglio-Agosto 2015.

Occultazioni asteroidali, i cui risultati sono in attesa di essere pubblicati sul sito della IOTA

Su invito abbiamo presentato una relazione dal tema Misure dei Corpi Minori del sistema solare, presso Astronomical Science & Technology EXPO Saint Barthélemy Valle D'Aosta.

E' stato organizzato presso l'osservatorio di San Marcello l'evento a carattere mondiale denominato l'ASTERIOD DAY (vedi video), con la partecipazione di professionisti ed astrofili.

Abbiamo presentato al convegno CAAT ( Coordinamento delle associazione astrofile Toscane) l'attività di fotometria asteroidale svolasti presso l'osservatorio di San Marcello.

gamp lc

LC ottenute da San Marcello

 

Una nostra immagine di Plutone ripresa poche ore prima dell'arrivo della sonda

New Horizons sul pianeta nano è stata pubblicata sul portale dell' ANSA.

 Alcuni dei nostri lavori e/o osservazioni sono stati pubblicati sul sito dell' UAI - Unione Astrofili Italiani -

 

GAMP – Gruppo Astrofili Montagna Pistoiese -

Paolo Bacci  



gamp visite

Ospiti graditi

gamp asteroid day

Asteroid Day- 30 giugno 2015

Pubblicato in UAI NEWS

All'Osservatorio di San Marcello Pistoiese (code MPC 104) è stata scoperta una nuova stella variabile  di tipo EW (*), con la designazione 2MASS J00211826+4233, utilizzando il telescopi da 0.60-m con FOV di ~35'x35' e una risoluzione di 2"/pixel.



VAR 01ds9


La nuova stella variabile

La nuova stella variabile è stata individuata nel corso di una sessione fotometrica di un asteroide nella notte del 14/08/2015, durata circa 3 ore, con pose da 180 secondi. Le immagini sono state successivamente rielaborate da Fabio Salvaggio, il quale ne ha ricavato con precisione il periodo particolarmente veloce per questo tipo di variabili in 0.2358 d ( è una sorta di limite inferiore di stabilità per questo tipo di sistemi).

La variabile 2MASS J00211826+4233 EW individuata alle coordinate RA 0:21:18.1 e Dec +42:33:30.9, ha una luminosità di 16.30 V al massimo, 16.71 al minimo.

Di seguito il grafico elaborato da Fabio Salvaggio.

 

VAR 01 2015 phase plot


La stella è stata inserita nel database del The International Variable Star Index

alla pagina web https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=409680

Grazie alla collaborazione è stato possibile ottenere questo bel risultato.

2MASS J00211826+4233308 EW

Variability type EW

Mag. range 16.30 - 16.71 CV

Discoverer P. Bacci, F. Salvaggio

Period 0.235728


P. Bacci

GAMP - Gruppo Astrofili Montagna Pistoiese - www.gamp-pt.net





VAR AOSTA 002
L'Osservatorio di San Marcello Pistoiese


(*)Type EW:
EW W Ursae Majoris-type eclipsing variables. These are eclipsers with periods usually shorter than 1 day, consisting of ellipsoidal components almost in contact and having light curves for which it is impossible to specify the exact times of onset and end of eclipses. The depths of the primary and secondary minima are almost equal or differ insignificantly. Light amplitudes are usually <0.8 mag. in V. The components generally belong to spectral types F-G and later.

Pubblicato in ASTRO NEWS
TOP