Giovedì, 01 Novembre 2018 19:12

Missione BepiColombo in parole e immagini

Ecco alcune immagini provenienti dalla navicella BepiColombo partita il 20 ottobre 2018 per il lungo viaggio verso Mercurio. Quando lo raggiungerà, alla fine del 2025, resisterà a temperature superiori a 350°C e raccoglierà dati durante la sua missione nominale di un anno, con una possibile proroga di un altro anno. La missione comprende due veicoli spaziali: il Mercury Planetary Orbiter (MPO) e il Mercury Magnetospheric Orbiter (MMO). BepiColombo è una missione congiunta tra l'ESA e la Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA), eseguita sotto la guida dell'ESA.

Bepicolombo1
A sinistra, la prima foto della missione BepiColombo: il selfie è stato scattato il 20 ottobre 2018, il giorno dopo il lancio, con la telecamera di monitoraggio M-CAM1, la cui posizione sul Mercury Transfer Module (MTM) della sonda è indicata sul disegno. Le telecamere di monitoraggio saranno utilizzate in varie occasioni durante il viaggio (7 anni), in particolare durante i flyby di Terra, Venere e Mercurio. Crediti: ESA/BepiColombo/MTM

Alla realizzazione della strumentazione ha partecipato Alain Corso, ricercatore del Cnr - Istituto di Fotonica e nanotecnologie di Padova. Attualmente è Co-Investigator dello strumento e quando partirà la missione il suo compito sarà raccogliere e studiare i dati che verranno prodotti.

Bisogna dire che tra gli undici strumenti scientifici a bordo di Mpo, ben quattro sono stati interamente realizzati in Italia, tramite il supporto dell’Agenzia Spaziale Italiana.

Bepicolombo 1di4    Bepicolombo 2di4

A sinistra, l’antenna a medio guadagno dispiegata il 21 ottobre 2018 a bordo del Mercury Planetary Orbiter
(MPO). A destra, l’antenna ad alto guadagno dispiegata lo stesso giorno a bordo del MPO. Il lato posteriore
dell’antenna è chiaramente visibile nella parte superiore dell’immagine. In basso, in entrambe le immagini, si
intravede parte di un pannello solare del MTM insieme a una staffa di fissaggio. Crediti: ESA / BepiColombo /
MTM

Bepicolombo 3d4    Bepicolombo 4di4

Il 25 ottobre 2018 è stato dispiegato con successo il braccio lungo 2.5 metri che trasporta i sensori
del magnetometro a bordo del Mercury Planetary Orbiter (MPO). I sensori sono ora pronti per misurare il campo
magnetico nel viaggio verso Mercurio. L’operazione ha richiesto circa un minuto per essere completata ed è stata
catturata in una serie di immagini scattate da una delle telecamere di monitoraggio a bordo del Mercury Transfer
Module (MTM). Qui ne riportiamo due; in basso si vede l’antenna a medio gudagno già dispiegata e una piccola
parte di un pannello solare. Crediti: ESA / BepiColombo / MTM

 

Bepicolombo2    Bepicolombo3

A sinistra, una fase dell’allestimento della BepiColombo allo Spazioporto europeo di Kourou. È ben visibile l’antenna ad alto
guadagno e il braccio ripiegato col magnetometro. Crediti: ESA / CNES / Arianespace / Optique video du CSG - P.Baudon
(v. anche https://www.youtube.com/watch?v=K689gkbQQns).
A destra, il momento del lancio il 20 ottobre 2018. Crediti: ESA - S. Corvaja

 

Bepicolombo4

 Il viaggio della BepiColombo: occorreranno un flyby con la Terra, due con Venere e sei con Mercurio per rallentare la velocità
della navicella spaziale fino all’ingresso in orbita intorno a Mercurio nel dicembre 2025. Crediti: ESA

 

aas logo








* NOVA *
N. 1401 - 28 OTTOBRE 2018
ASSOCIAZIONE ASTROFILI SEGUSINI

 Crediti: ESA/BepiColombo/MTM

http://sci.esa.int/bepicolombo/60863-bepicolombo-first-image-from-space/

Aggiornamenti sulla missione:

http://sci.esa.int/bepicolombo/
http://global.jaxa.jp/projects/sat/bepi/
http://www.stp.isas.jaxa.jp/mercury/

 

 

 

Pubblicato in ASTRO NEWS

 Transito Mercurio banner

 

DIRETTA DALL'OSSERVATORIO ASTRONOMICO DI CAMPO CATINO (FR)

http://www.campocatinobservatory.org/

 

Una selezione di altre iniziative pubbliche segnalate su Reteastrofili. Per maggiori dettagli consultare http://www.reteastrofili.it

- Transito di Mercurio con Osservazioni Serali al Divino Amore; Accademia delle Stelle; Roma; https://www.accademiadellestelle.org/transito-di-mercurio-davanti-al-sole/

- Osservazione transito di Mercurio; Associazione di Ricerca Scientifica (ARS); Beinette; http://www.ars2000.it/ ; ars@ars2000.it

- Transito del pianeta Mercurio sul Sole; Istituto Spezzino Ricerche Astronomiche (I.R.A.S.); La Spezia; http://www.astronomiadigitale.com/iras/ ; istitutoiras@yahoo.it

- Transito di Mercurio sul Sole; Osservatorio Virginio Cesarini; Frasso Sabino; http://www.ara.roma.it ; ara@ara.roma.it

- MERCURY PARTY - Il transito di Mercurio davanti al Sole; Associazione Astrofili Piombino; Piombino; http://www.astropiombino.org ; visite@astropiombino.org

- Transito di Mercurio sul disco solare; Circolo Astrofili Veronesi; Verona; http://www.astrofiliveronesi.it/transito_mercurio.html ; info@astrofiliveronesi.it

- Transito di mercurio, WebConference; Osservatorio di Bassano Bresciano; Bassano Bresciano; http://www.osservatoriobassano.org/ ; info@ulisse.bs.it

- IL TRANSITO DI MERCURIO; Gruppo Astrofili GEMINI; Taio; http://www.geminisky.it/ ; m.melchiori@brennercom.net

- Osservazione transito Mercurio; Osservatorio Astronomico di Pietralacroce; Ancona; http://www.amastrofili.org ; ama@amastrofili.org 

- Transito di Mercurio dalle 13 alle 19.30 dal Liceo Scientifico Gian Domenico Cassini - Genova http://blog.astrocassini.it/

  

ALCUNI SITI CHE TRASMETTONO IN DIRETTA

http://www.astrocassini.it/ 

http://live.slooh.com/stadium/live/transit-of-mercury-2016

Pubblicato in UAI NEWS
Mercoledì, 04 Maggio 2016 14:11

9 maggio 2016 - Transito di Mercurio sul Sole

transito

 

Finalmente tra pochi giorni potremo assistere all’evento più atteso del 2016: il transito di Mercurio davanti al Sole, un fenomeno che dall’Italia è stato osservato l’ultima volta nel 2003. 

Dopo tredici anni di attesa sarà quindi possibile puntare i telescopi verso la nostra stella per seguire il movimento del pianeta più interno.
Un tale evento non poteva mancare nel Calendario delle iniziative 2016 promosse dall'UAI - Unione Astrofili Italiani – che propone ogni anno gli appuntamenti tradizionali come Calici di Stelle o il Moonwatch Party, insieme ad eventi di particolare rilievo che possono coinvolgere, insieme agli appassionati, anche un pubblico sempre più ampio.
Come riportato sulla pagina dedicata al transito , il primo contatto avverrà alle ore 13:12 di lunedì 9 maggio e il percorso del pianeta potrà essere seguito fino al tramonto del Sole. Le fasi finali non sono osservabili dall’Italia, con il transito che si conclude quando il Sole si trova sotto l’orizzonte da alcuni minuti.
Nella pagina troverete tutti i dati utili e anche un ricordo dei passati transiti: dal 2003 al 1973, 1970 ,1861, 1631.

PRECAUZIONI DA ADOTTARE PER L'OSSERVAZIONE :

NON USARE BINOCOLI E TELESCOPI SENZA OPPORTUNI FILTRI.

IL SOLE PUO' ESSERE PERICOLOSO PER GLI OCCHI.

Anche per il transito di Mercurio attendiamo un ampio coinvolgimento delle associazioni astrofili.

Una partecipazione ed un impegno, quello degli astrofili, ancora più fondamentale in occasioni come questa, che necessita l’adozione di tutte le misure di sicurezza per osservare il Sole proteggendo la vista di chi pone gli occhi a telescopi e binocoli. La guida di astrofili esperti costituisce un contributo essenziale per avvicinare il grande pubblico all’osservazione del Sole senza correre il rischio di riportare gravi danni alla vista.

L'UAI ha invitato tutte le associazioni ad organizzare iniziative pubbliche per consentire  l'osservazione del transito. Vi invitiamo quindi a consultare il sito reteastrofili.it per trovare la manifestazione più vicina a voi.

 La scheda dell'evento nazionale UAI su Reteastrofili : http://www.reteastrofili.it/evento/?eventid=11020

E DOPO AVER OSSERVATO E FOTOGRAFATO L'EVENTO INVIATECI LE VOSTRE IMMAGINI DEL TRANSITO DI MERCURIO !

Inviate le foto del transito di Mercurio al nostro indirizzo mail:

divulgazione@uai.it

Le migliori immagini saranno pubblicate sul sito UAI e messe a disposizione delle agenzie di stampa.

Si prega di indicare le informazioni che si desiderano pubblicare: autori delle immagini, località di ripresa, eventuale associazione astrofili di appartenenza, dati tecnici (strumenti utilizzati, tempi di scatto, ecc.).

Buone osservazioni e soprattutto CIELO SERENO!


 

Pubblicato in UAI NEWS
Venerdì, 29 Aprile 2016 14:34

Cielo del mese di maggio 2016

Cielo del mese



ll Cielo del Mese UAI e'
 uno strumento utile e sempre aggiornato a disposizione di tutti gli appassionati, sia p
er imparare a muovere i primi passi dell’osservazione astronomica ad occhio nudo o con l'aiuto del binocolo e del telescopio, sia come indispensabile guida all'osservazione dell'astrofilo esperto.

Osserva il cielo e condividi con altri questa emozionante esperienza !

 

 

Questo mese segnaliamo

 9 MAGGIO : IL TRANSITO DI MERCURIO DAVANTI AL SOLE. L'evento astronomico più atteso del 2016 !

 

PER PRIMA COSA IL CIELO SERENO: il meteo e il seeing

SOLE: la durata del giorno aumenta di 59 minuti. E' in vigore l'ora solare estiva.

LUNA : Luna Nuova il 6 Maggio 2016


Tabella delle fasi lunari e diagramma di librazione 


Passi sulla Luna:
 Clavius

 
PIANETI

Mercurio: il pianeta è protagonista dell’evento astronomico più importante dell’anno, il transito davanti al Sole.
Venere:  si può ormai considerare terminato il periodo di osservabilità di Venere.
Marte: il pianeta rosso si trova all’opposizione il 22 maggio, è quindi visibile tutta la notte.
Giove: nel corso delle prime ore della notte lo si può osservare agevolmente a Sud-Ovest.
Saturno: è leggermente più basso in cielo rispetto a Marte e rispetto a quest’ultimo sorge circa mezzora più tardi.
Urano: l’osservazione di Urano è ancora molto difficoltosa.
Nettuno: è ancora limitato alle ultime ore della notte.
Plutone: anticipa sempre più la comparsa sulla volta celeste.

 

CONGIUNZIONI

Luna - Giove: la sera del 15 maggio
Luna – Marte:  nel corso della notte tra il 21 e il 22 maggio
Luna - Saturno: il 22 maggio


CARTE DEL CIELO

COSTELLAZIONI


OSSERVARE LA STAZIONE SPAZIALE :
gli orari dei passaggi dalle varie località italiane


OSSERVARE LA STAZIONE SPAZIALE CINESE TIANGONG 1


UNA NUOVA PAGINA MOLTO INTERESSANTE
Quante sono le costellazioni zodiacali
12, 13 o ... molte di più ? Scoprilo cliccando qui. 


OSSERVIAMO LE STELLE DOPPIE AL TELESCOPIO
: Gamma Virginis


OSSERVARE GLI IRIDIUM FLARES
:
tutti gli orari per individuarli


METEORE
 
a cura di Enrico Stomeo


COMETE DEL MESE
 
a cura di Claudio Prà


ASTEROIDI
 
a cura di Carlo Muccini

PER CONSULTARE LA VERSIONE COMPLETA DEL CIELO DEL MESE DI MAGGIO 2016

 

 

Pubblicato in UAI NEWS
Transito Mercurio 2003 - banner
 
La Commissione Divulgazione segnala il prossimo evento nazionale , inserito nel calendario delle Astroiniziative promosse dalla UAI per il 2016  -  http://divulgazione.uai.it/index.php/Calendario_UAI_2016 .
 
IL TRANSITO DI MERCURIO DEL 9 MAGGIO 
il fenomeno astronomico più atteso del 2016.
 
L’ultima volta che è stato osservabile dall’Italia è stata nell’anno 2003.
 
Indichiamo qui di seguito i links alle pagine web dedicate al transito di Mercurio :
 
- L’invito rivolto alle associazioni con le istruzioni per inserire le proprie iniziative locali sul portale “Reteastrofili” :
 
- La pagina dedicata al fenomeno, con orari, simulazioni, approfondimenti :
 
- La scheda dell’evento UAI su Reteastrofili :
 
Vi preghiamo di dare massima diffusione al comunicato e auspichiamo come di consueto una ampia adesione da parte delle associazioni locali , in particolare delle Delegazioni UAI.
 
Cieli Sereni a tutti
 
Commissione Divulgazione
Unione Astrofili Italiani
 
Pubblicato in UAI NEWS
Giovedì, 31 Dicembre 2015 15:38

Aspettando il transito di Mercurio del 2016

In attesa di poter osservare il transito del pianeta Mercurio del 9 maggio 2016, il prossimo anno sarà comunque ricco di interessanti fenomeni astronomici da seguire, ad occhio nudo o tramite uno strumento. Gli eventi più salienti per il 2016 sono raccolti in questo piccolo compendio.

 Per approfondire e rimanere costantemente aggiornati su quello che accade in cielo potete fare riferimento alla rubrica "Il cielo del mese" curata dalla Commissione Divulgazione dell'Unione Astrofili Italiani (http://divulgazione.uai.it/index.php/Pagina_principale) che potete consultare nell'apposita pagina. Infine segnaliamo che per il 2016 sono disponibili ben due edizioni dell'Almanacco UAI: un'edizione "Slim" che contiene tutto l'indispensabile per pianificare le osservazioni in 72 pagine, e una versione più estesa "High" in 144 pagine. Potete scaricare entrambe le edizioni dell'almanacco da questa pagina. Cieli sereni e bui e che il 2016 sia ricco di osservazioni per tutti!

 

Pubblicato in UAI NEWS
TOP