Giovedì, 01 Novembre 2018 19:12

Missione BepiColombo in parole e immagini

Scritto da  Andrea Ainardi - A.A.S.Associazione Astrofili Sagusini
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ecco alcune immagini provenienti dalla navicella BepiColombo partita il 20 ottobre 2018 per il lungo viaggio verso Mercurio. Quando lo raggiungerà, alla fine del 2025, resisterà a temperature superiori a 350°C e raccoglierà dati durante la sua missione nominale di un anno, con una possibile proroga di un altro anno. La missione comprende due veicoli spaziali: il Mercury Planetary Orbiter (MPO) e il Mercury Magnetospheric Orbiter (MMO). BepiColombo è una missione congiunta tra l'ESA e la Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA), eseguita sotto la guida dell'ESA.

Bepicolombo1
A sinistra, la prima foto della missione BepiColombo: il selfie è stato scattato il 20 ottobre 2018, il giorno dopo il lancio, con la telecamera di monitoraggio M-CAM1, la cui posizione sul Mercury Transfer Module (MTM) della sonda è indicata sul disegno. Le telecamere di monitoraggio saranno utilizzate in varie occasioni durante il viaggio (7 anni), in particolare durante i flyby di Terra, Venere e Mercurio. Crediti: ESA/BepiColombo/MTM

Alla realizzazione della strumentazione ha partecipato Alain Corso, ricercatore del Cnr - Istituto di Fotonica e nanotecnologie di Padova. Attualmente è Co-Investigator dello strumento e quando partirà la missione il suo compito sarà raccogliere e studiare i dati che verranno prodotti.

Bisogna dire che tra gli undici strumenti scientifici a bordo di Mpo, ben quattro sono stati interamente realizzati in Italia, tramite il supporto dell’Agenzia Spaziale Italiana.

Bepicolombo 1di4    Bepicolombo 2di4

A sinistra, l’antenna a medio guadagno dispiegata il 21 ottobre 2018 a bordo del Mercury Planetary Orbiter
(MPO). A destra, l’antenna ad alto guadagno dispiegata lo stesso giorno a bordo del MPO. Il lato posteriore
dell’antenna è chiaramente visibile nella parte superiore dell’immagine. In basso, in entrambe le immagini, si
intravede parte di un pannello solare del MTM insieme a una staffa di fissaggio. Crediti: ESA / BepiColombo /
MTM

Bepicolombo 3d4    Bepicolombo 4di4

Il 25 ottobre 2018 è stato dispiegato con successo il braccio lungo 2.5 metri che trasporta i sensori
del magnetometro a bordo del Mercury Planetary Orbiter (MPO). I sensori sono ora pronti per misurare il campo
magnetico nel viaggio verso Mercurio. L’operazione ha richiesto circa un minuto per essere completata ed è stata
catturata in una serie di immagini scattate da una delle telecamere di monitoraggio a bordo del Mercury Transfer
Module (MTM). Qui ne riportiamo due; in basso si vede l’antenna a medio gudagno già dispiegata e una piccola
parte di un pannello solare. Crediti: ESA / BepiColombo / MTM

 

Bepicolombo2    Bepicolombo3

A sinistra, una fase dell’allestimento della BepiColombo allo Spazioporto europeo di Kourou. È ben visibile l’antenna ad alto
guadagno e il braccio ripiegato col magnetometro. Crediti: ESA / CNES / Arianespace / Optique video du CSG - P.Baudon
(v. anche https://www.youtube.com/watch?v=K689gkbQQns).
A destra, il momento del lancio il 20 ottobre 2018. Crediti: ESA - S. Corvaja

 

Bepicolombo4

 Il viaggio della BepiColombo: occorreranno un flyby con la Terra, due con Venere e sei con Mercurio per rallentare la velocità
della navicella spaziale fino all’ingresso in orbita intorno a Mercurio nel dicembre 2025. Crediti: ESA

 

aas logo








* NOVA *
N. 1401 - 28 OTTOBRE 2018
ASSOCIAZIONE ASTROFILI SEGUSINI

 Crediti: ESA/BepiColombo/MTM

http://sci.esa.int/bepicolombo/60863-bepicolombo-first-image-from-space/

Aggiornamenti sulla missione:

http://sci.esa.int/bepicolombo/
http://global.jaxa.jp/projects/sat/bepi/
http://www.stp.isas.jaxa.jp/mercury/

 

 

 

Letto 173 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
TOP