Lunedì, 04 Novembre 2013 23:23

Scott Carpenter ci ha lasciato

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Si impegnò a fondo nel programma Mercury che finalmente ridusse il gap degli Stati Uniti con l’Unione Sovietica.

Scott Carpenter ci ha lasciato 

 
A causa di un ictus che lo ha colpito nei giorni scorsi e ricoverato in un ospedale di Denver Colorado, il 10 ottobre, si è spento Malcom Scott Carpenter.
Era nato a Boulder Colorado il 1 maggio del 1925. Pilota collaudatore della US. Navy conseguì la laurea in ingegneria aeronautica.
Dopo aver superato innumerevoli prove, al limite della tortura, venne selezionato nel primo gruppo di astronauti nella neonata NASA.
Si impegnò a fondo nel programma Mercury che finalmente ridusse il gap degli Stati Uniti con l’Unione Sovietica.
Per lui un solo volo nello spazio con la capsula Aurora 7 il 24 maggio del 1962 che durò quasi 5 ore.
In volo dovette affrontare numerose difficoltà tecniche ma la sua grande esperienza di pilota gli consentì di completare il volo e portare a termine i compiti affidati.
Sempre con il mare nel sangue partecipò ad un esperimento sottomarino denominato SEALAB.
Nel 1967 lasciò la NASA ma il suo impegno per promuovere le attività spaziali non venne mai meno: ha sempre partecipato agli incontri annuali della Astronauts Space Fundation
Ho incontrato Scott Carpenter nel 2010. Uomo di grande cortesia, sempre disponibile a parlare delle sue debolezze e della sua voglia di esplorare.
Good Speed Scott!!
 
Vincenzo Gallo
Responsabile Sez Astronautica Unione Astrofili Italiani.

scottcarpenter.jpg


L’incontro Con Scott Carpenter Cape Canaveral 2010.

Letto 829 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
TOP