Mercoledì, 11 Ottobre 2017 21:04

Osservata anche dall'Italia l'occultazione di Tritone In evidenza

Scritto da  Pietro Baruffetti - GAM, Gruppo Astrofili Massesi
Vota questo articolo
(0 Voti)
  A volte accade: il cielo dà spettacolo e permette osservazioni incredibili, quale osservare da quasi 4 miliardi e mezzo di km di distanza la leggerissima atmosfera di Tritone (la principale luna di Nettuno) con strumenti amatoriali anche solo di 20 cm di apertura. 
   L’occultazione, di cui abbiamo detto in una precedente news UAI ,  ha seguito (a parte un leggero anticipo) le previsioni dell’ultima ora, che davano il centro dell’ombra asteroidale passare sull’alta Toscana e interessare dagli USA alla Russia, dall’Algeria alla Finlandia.

  In Italia si erano attivati 4 osservatorii professionali e 10 singoli osservatori amatoriali (4 dei quali ci avevano chiesto informazioni, a seguito di questa News). Complessivamente nel mondo erano oltre un centinaio le postazioni preannunciate che andavano dagli USA al Marocco, dal Portogallo alla Svolacchia. Il meteo non è stato clementissimo (ad esempio solo 4 statunitensi su 22 son riusciti a seguire l’occultazione), però si contano oltre una ventina di report positivi (fra cui 5 italiani: Baruffetti (che i lettori della nostra Rivista ben conoscono con la sua Rubrica "Piccoli Mondi") del GAM, Ciabattari dell’osservatorio di Monte Agliale (Lu), Noschese, Morrone e altri di Astrocampania da Agerola (Na), Cupolino da Sessa Aurunca (Caserta).
 
  Eccezionale il flash centrale, a metà occultazione, nel momento in cui alcune postazioni risultavano perfettamente allineate (con una tolleranza di una ventina di km) col centro di Tritone e la stella. Tale fenomeno, previsto dalla teoria ma mai in precedenza così chiaramente messo in rilievo da ben 7 diversi osservatori, ha una spiegazione non univoca. Chi pensa ad una interferenza ottica (legata al punto luminoso d’interferenza previsto da Frenel) chi che si tratti della rifrazione prodotta dall’atmosfera tenuissima di Tritone. Quest’ultima sarebbe sufficiente, per chi sia perfettamente allineato col centro del corpo occultante, a produrre una rifrazione della stella lontana (un po’ come accade, in grande, con la nostra atmosfera che rifrange sulla Luna il colore rosso del Sole filtrato dalla nostra atmosfera al momento centrale delle eclissi totali di Luna).

  A questo punto l’osservatorio di Paris-Meudon riceverà tutte le osservazioni mondiali, facendone una sintesi e tirando fuori tutte le informazioni che esse possano dare. Sulla rubrica di questa rivista, dedicata alle occultazioni asteroidali, e curata dal GAM, pubblicheremo (nei tempi tecnici della rivista) un dettagliato resoconto delle osservazioni.

  Di seguito alcune curve: la strabiliante curva dell’osservatorio di Costancia (in Portogallo; un trentina di km a nord della traccia del centro occultazione), simile (ma con un flash centrale una magnitudine ancora superiore a quello osservato da Pietro Baruffetti da Massa, 12 km al di sotto del centro previsto) e due curve campane: quella di Morrone e Cupolino (al loro debutto in questo settore). 

Tritone Morrone
 
 
 
Tritone dal Portogallo
 
 
Tritone 5ott17 Lattalino
 
 
 
Tritone fotomontaggio BFF
 
Fotomontaggio di 4 momenti dell'occultazione
Letto 233 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
TOP