Martedì, 07 Febbraio 2017 14:08

Osservatorio Astronomico Montagna Pistoiese, 2016, un anno di attività astronomiche

Scritto da  Paolo Bacci - GAMP
Vota questo articolo
(0 Voti)

gamp rotazione


L'Osservatorio Astronomico della Montagna Pistoiese - Foto di Leonardo Mazzei 

logo gamp

 

L'Osservatorio Astronomico della Montagna Pistoiese, struttura pubblica del comune di San Marcello/Piteglio, è gestito fin dalla sua inaugurazione, avvenuta 26 anni fa, dal GAMP – Gruppo Astrofili Montagna Pistoiese – (www.gamp-pt.net) e dal Presidente Luciano Tesi.

Le principali attività, che riguardano la didattica e la diffusione delle scienze astronomiche, sono rivolte al numeroso pubblico che accede alla struttura nei giorni di di Venerdì e Sabato (in estate anche Lunedì).

Numerosi sono i discenti di ogni ordine e grado provvedimenti dalle scuole presenti in provincia che oltre alla classica lezione di astronomia possono osservare il Sole a mezzo del Coronado presente in osservatorio. Samuele Marconi (vice-presidente) e Paolo Gigli da più di 30 anni svolgono attività didattiche, assieme ai collaboratori Geronimo Bartolomei e Luca Nerli.

Nel corso del 2016 l'osservatorio è stato visitato da oltre 4000 visitatori che hanno avuto la possibilità di osservare i principali oggetti celesti a mezzo dei due telescopi principali alloggiati nelle rispettive cupole. Di particolare rilievo è la collaborazione con l'Istituto Omnicomprensivo di San Marcello dove gli alunni delle classi 3^ media e 1^/2^ superiore, per un complessivo di 60 ragazzi, hanno svolto un percorso suddiviso in 5 giornate dedicate all'osservazione e lo studio delle stelle. Inoltre, 4 studenti hanno scelto l'osservatorio per l'alternanza scuola-lavoro, dove hanno svolto 80 ore ciascuno, contribuendo alle attività del gruppo.

Il GAMP ha partecipato alle campagne nazionali ed internazionali di osservazione del cielo come la manifestazione denominata “Occhi su Saturno” e la serata dedicata all'osservazione della Luna “International Observer the Moon Night (InOMN)”. Inoltre in occasione dell'opposizione di Marte l'Osservatorio ha aperto per osservare il pianeta rosso. Non sono mancate le serate dedicate alle meteore nelle notti del 10 e 12 Agosto quando sono state osservate le Perseidi, mentre a Novembre si è svolta l'osservazione delle Leonidi.

Nel periodo estivo l'osservatorio ha ospitato il Dott. CELLA Giangarlo, fisico attivo nel campo della onde gravitazionali, ricercatore presso l'INFN (sez. di Pisa) e professore presso l'Università degli studi di Pisa, il quale ha parlato della scoperta delle onde-gravitazionali. Il Prof. Alberto Righini, associato di materie astronomiche presso il Dipartimento di Fisica ed Astronomia dell'Università degli Studi di Firenze, è intervenuto illustrandoci le correlazioni tra il Sole e la Terra.
(Queste conferenze sono disponibili sul canale Youtube del GAMP https://www.youtube.com/channel/UCFmOuA61NybTw6R4BZm5hqQ).

Sono stati organizzati due corsi di astronomia, il primo svoltosi a luglio riservato allo studio degli asteroidi, l'altro in agosto rivolto ai principianti.

gamp corso asteroidiCorso di asteroidi

gamp corpi minori
4° Meeting Corpi Minori

gamp corpi minori sx4° Meeting Corpi Minori

gamp corpi minori dx4° Meeting Corpi Minori

Nel mese di Novembre l'Osservatorio ha ospitato il 4° Meeting dei Corpi Minori – Asteroidi Comete Meteore, organizzato dall' UAI, dove sono intervenuti astrofili da tutta Italia e professionisti (è possibile rivedere gli interventi sul canale Youtube del GAMP).

Presso l'Osservatorio, la principale attività di ricerca è rivolta allo studio degli asteroidi e delle comete, dove nel corso degli anni sono stati scoperti 303 nuovi asteroidi, permettendo all'Osservatorio montano di essere al primo posto in Italia tra i non professionisti in questo settore.

Nel corso del 2016 sono state inviate 1982 misure di posizione, di cui 364 di asteroidi numerati, 291 asteroidi con orbita preliminari e sono state, inoltre, osservate 29 comete. Nel corso dell'anno l'Osservatorio è stato menzionato in 220 circolari del Minor Planet Center (primo in Italia).

In data 23 febbraio 2016 esce la CBAT 4243 che annuncia la scoperta che l' asteroide 2242 Balaton è binario, con un periodo di rotazione di 2.79792 +/- 0.00009 hr per il principale mentre il suo piccolo satellite ha un periodo di rotazione di 12.96 +/- 0.01 hr. La scoperta è stata fatta dall'Osservatorio Astronomico del Dipartimento di Scienze Fisiche della Terra e dell'Ambiente, Università di Siena; Alessandro Marchini, Riccardo Papini, e Fabio Salvaggio hanno osservato l'asteroide 2242 la notte del 27 dicembre 2015, e sere successive. Con la Collaborazione di Lorenzo Franco dell'osservatorio A81 Balzaretto, hanno individuato degli effettui mutui, permettendo così di scoprire la natura binaria dell'asteroide. Dal nostro osservatorio abbiamo effettuato alcune sessioni fotometriche per confermare la seconda componente dell'asteroide.

Tra i principali risultati ottenuti dagli astrofili del GAMP si segnala il follow-up del TNOs 2008 CT190, un oggetto che la notte del 6 maggio 2016 si trovava ad una distanza dal Sole di 34,8 UA ( circa 5.206.080.000 km), con una luminosità di 20,8 mag.

Nel mese di luglio abbiamo effettuato, con successo, le riprese del transito del pianeta extrasolare HAT-P-12b pianeta gassoso con un raggio simile al nostro Giove Rj=0.959, ed un periodo orbitale di 3.21 giorni ( a=0.038 UA, incl. 89°) profondità del transito di 0.0204 mag. durata di 140 minuti. La stella si trova a una distanza di 464 a.l. nella costellazione dei Cani da Caccia (CVn) alle coordinate RA 13 57 33.684 Dec +43 29 37.35, con una luminosità di 12.8 V mag.

gamp transito

Grafico del transito del pianeta extrasolare HAT-P-12b

Alla fine di ottobre è stata effettuata la recovery del TNO 2014 US224 (a,e,i,q = 46.82, 0.14, 11, 40.275), quando l'asteroide aveva una luminosità di 21.4 mag. come da circolare circolare M.P.E.C. 2016-U119 del Minor Planet Center.

Per il Team del GAMP composto da: Luciano Tesi, Giancarlo Fagioli, Paolo Bacci, Martina Maestripieri e Leonardo Mazzei, il 2016 è stato senza dubbio un anno soddisfacente.

Paolo Bacci . Responsabile della sezione di ricerca Asteroidi UAI. 

Letto 212 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
TOP